Dati ISTAT 2015 sull’istruzione: ancora troppi NEET

notizie-scuola_logo2

Notizie della scuola,  8.4.2016

– In data 7 aprile l’ISTAT ha pubblicato “Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo”. La sezione dedicata all’Istruzione evidenzia un miglioramento del livello di istruzione per gli adulti e una diminuzione della quota di giovani che abbandonano precocemente gli studi. Oltre 2,3 milioni i giovani che non studiano e non lavorano (NEET).

giovani10a

Il report ISTAT “Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo”, giunto all’ottava edizione, offre un quadro d’insieme dei diversi aspetti economici, sociali, demografici e ambientali del nostro Paese, della sua collocazione nel contesto europeo e delle differenze regionali che lo caratterizzano.

La sezione Istruzione contiene i dati riferiti al 2015 relativamente ai seguenti aspetti:

  • Spesa pubblica per l’istruzione e la formazione
  • Adulti con istruzione secondaria inferiore
  • Abbandoni scolastici
  • Partecipazione al sistema di istruzione e formazione
  • 30-34enni con istruzione universitaria
  • Giovani che non lavorano e non studiano
  • Apprendimento permanente
  • L’incidenza della spesa pubblica in istruzione sul Pil si conferma stabile al 3,6%.

Negli ultimi anni prosegue il miglioramento del livello di istruzione per gli adulti, con una quota di 25-64enni che ha conseguito al massimo la licenza media scesa tra il 2004 e il 2015 di oltre 11 punti. Oltre la metà dei giovani 15-24enni sono impegnati in un percorso di formazione superiore. L’aggiornamento durante l’arco della vita, importante per l’integrazione nel mercato del lavoro, interessa l’8,0% degli italiani tra i 25 e i 64 anni.

La Strategia Europa 2020 fissa alcuni obiettivi sui livelli di istruzione della popolazione e nel nostro Paese non sono stati ancora tutti raggiunti.

La quota di giovani che abbandonano precocemente gli studi in Italia è scesa al 15% (il 17,7% tra gli uomini e il 12,2% tra le donne), superando l’obiettivo nazionale del 16% fissato per il 2020. Nel 2015 il 25,3% dei 30-34enni ha conseguito un titolo di studio universitario, un livello di poco inferiore al 26% stabilito come obiettivo per l’Italia ma lontano dal 40% fissato per la media europea.

Infine, nel 2015 i giovani di 15-29 anni che non studiano e non lavorano, i cosiddetti Neet (Not in Education, Employment or Training), sebbene in calo rispetto all’anno precedente (il 25,7% della popolazione nel 2015; il 26,2 nel 2014), sono oltre 2,3 milioni:. La loro incidenza più elevata tra le donne rispetto agli uomini.

Dati ISTAT 2015 sull’istruzione: ancora troppi NEET ultima modifica: 2016-04-09T04:47:27+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl