Tfa cancellato, niente concorsi e stabilizzazione dei 200.000 precari. Ecco il piano di Renzi

oggi-scuola_logo16

Oggiscuola  26.11.2016

TFA-addio1

– Tfa terzo ciclo cancellato, maxi concorsi addio e precari avviati alla stabilizzazione attraverso selezioni più semplici. E’ questo il piano a cui stanno lavorando i tecnici del Miur su impulso del governo. Un progetto che dovrebbe vedere la luce subito dopo il referendum e rappresenterebbe al risposta di Renzi a tutti i problemi irrisolti dalla riforma della Giannini. “Nella scuola ci sono 200mila precari che non possiamo dimenticare”, ha detto di recente Matteo Renzi, sottindentendo: cosa ne sarà dei docenti che non ce l’hanno fatta all’ultimo Concorsone? Il governo, ha già deciso che l’attuale impostazione che prevede l’abilitazione come prerequisito per il concorso è superata. Il futuro sarà più semplice: un unico momento di selezione post laurea, che darà accesso ad un tirocinio lavorativo di tre anni e poi quasi automaticamente al ruolo. Resta il problema di chi si trova nel guado tra l’ultimo concorsone  e l’avvento del nuovo sistema che non andrà a regime prima di 5-6 anni. Circa 80mila docenti già abilitati, più un numero imprecisato nella terza fascia delle graduatorie, dove si iscrivono i laureati senza abilitazione, spesso anche loro utilizzati come supplenti. Più o meno i 200mila citati da Renzi per cui il Ministero sta studiando una cosiddetta “fase transitoria”.

Per gli insegnanti di seconda fascia, si ipotizzerebbe un colloquio orale per avere accesso direttamente al ruolo, attraverso il consueto “anno di prova”. Per gli insegnanti di terza fascia, invece, ci sarebbero dei test e una forte valutazione del servizio svolto: i vincitori in questo caso accederebbero al tirocinio di durata triennale, che nel nuovo sistema costituirà un momento di formazione-lavoro precedente alla stabilizzazione vera e propria. La scelta di istituire un canale ad hoc anche per la terza fascia significherebbe chiudere subito e definitivamente il Tirocinio Formativo Attivo. In futuro corso-concorso e tirocini . La delega sul reclutamento prevede infatti che gli aspiranti insegnanti dovranno nel corso della laurea quinquennale maturare almeno 24 crediti di didattica. Dopo gli  studi ci sarà l’unico momento di selezione per l’accesso a questo “corso-concorso”: i vincitori, a numero chiuso calcolato in base al fabbisogno del sistema, faranno tre anni di tirocinio con attività miste di formazione e lavoro (pagato) nelle scuole, al termine del quale arriverà poi la conferma del posto fisso.
.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl