Alternanza scuola lavoro, come non farsi sfruttare e preparare il futuro

Fatto_lofo15di Francesco Pastore e Valentina Magri, Il Fatto Quotidiano, 10.3.2018

– “Il meccanico del mio paese si sarebbe vergognato di non pagare a fine settimana. E mica solo lui. Oggi vedo cose terribili: tirocini, mezzi tirocini, finte alternanze scuola lavoro, bisogna sbaraccarle quelle cose lì”. Il j’accuse di Pierluigi Bersani a Quinta colonna su Rete 4 riaccende l’annoso dibattito sull’alternanza scuola lavoro e l’equazione tra alternanza e sfruttamento, di cui questa testata ha ampiamente dato conto ai lettori. Però nell’alternanza scuola lavoro non ci sono solo “cose terribili”. Non tutti sanno che a ispirare la legge n. 107 del 2015 che ha reso obbligatoria l’alternanza scuola lavoro è stata una famosa impresa del settore moto. Siamo andati a vedere da vicino come funziona.

Il progetto Desi

Il Dual education system Italy (il cui acronimo è Desi) è stato lanciato nel 2013 da Ducati e Lamborghini, col sostegno della Fondazione Volkswagen e di Audi academy. Consiste in una scuola a tempo pieno inserita in un percorso di studi professionale, della durata di due anni, dove i ragazzi studiano in classe e in azienda delle materie di indirizzo scolastico, che coincidono con quelle per la qualifica professionale di lavoratori meccanici oppure di operatori di macchine a controllo numerico. Gli studenti escono quindi sia col diploma di maturità che con l’attestazione delle competenze realmente acquisite. Inizialmente, il progetto Desi si rivolgeva a 48 giovani Neet e fu creato per realizzare il sistema duale tedesco all’interno del modello scolastico italiano. Il progetto Desi è stato uno dei modelli che ha ispirato la legge 607 sull’alternanza scuola lavoro, visto che è facilmente esportabile. Ad oggi rientra tra i programmi di alternanza scuola lavoro, ma prevede 1.100 ore: ben superiori alle 400 obbligatorie per legge.

Alternanza scuola lavoro: come non farsi sfruttare

I ragazzi che svolgono l’alternanza scuola lavoro non svolgono attività lavorativa. Pertanto non devono essere messi nelle condizioni di farlo, né essere retribuiti. In Ducati i partecipanti al progetto Desi hanno divise e carrelli ben identificabili e sono seguiti da tutor dei centri di formazione, in quanto non possono svolgere da soli le fasi del ciclo produttivo. “La discriminante consiste nel fare un programma strutturato, che abbia dei contenuti di istruzione e apprendimento”, ci spiega Luigi Torlai, direttore Risorse umane di Ducati.

Perché conviene a tutti fare bene l’alternanza

“Siamo alla terza edizione del progetto Desi e sono sicuro che i dipendenti entrati in azienda tramite questo progetto saranno un patrimonio per la Ducati”, prosegue Torlai. Il progetto Desi fa la differenza per il futuro lavorativo dei giovani partecipanti: tutti sono poi stati assunti direttamente da Ducati, Lamborghini o da imprese della zona, che se li sono contesi.

Inoltre, il progetto Desi è altamente formativo dal punto di vista umano per gli studenti. “Da noi entrano dei ragazzi, escono degli uomini”, commenta Luca Baroni, responsabile del progetto Desi.

“Gli studenti sono molto appassionati di moto e coinvolti”, gli fa eco il formatore Fabio Da Re. Ci racconta uno degli studenti: “E’ un’esperienza molto positiva, dove ho approfondito ciò che sapevo già e imparato a lavorare in gruppo”. Eppure sono ancora poche le aziende dove si fa bene l’alternanza scuola lavoro. Perché?

Perché si fa poca alternanza scuola lavoro in Italia

“I problemi in Italia sono due: investire e implementare. Le aziende purtroppo non sempre riescono a investire sui ragazzi e su progetti di questo tipo. Aspettano sempre che sia la scuola a fare la prima mossa. Più che i progetti, latita la volontà di investire sull’alternanza”, commenta il direttore Risorse umane di Ducati.

Servirebbe inoltre una maggiore condivisione e diffusione delle best practice tra le aziende.

Un altro tasto dolente è nella relazione tra mondo della scuola e del lavoro. Serve collaborazione perché ognuno deve fare la sua parte, in modo che gli studenti abbiano una buona preparazione non solo teorica, ma anche pratica. “In caso contrario, è come se i ragazzi avessero solo l’encefalo destro e non quello sinistro”, ci spiega Torlai. Che lancia una sfida alle aziende italiane: “Ogni grande e media impresa dovrebbe aprire una classe in un istituto tecnico o professionale per creare le professionalità del futuro e da cui poiassumere giovani dipendenti da far crescere in azienda”.

.

.

.

Alternanza scuola lavoro, come non farsi sfruttare e preparare il futuro ultima modifica: 2018-03-12T06:30:29+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl