Assunzioni fase C. Assegnazione posti alle scuole entro il 20 novembre, proposte ruoli a fine novembre

Orizzonte_logo14

di Anselmo PennaOrizzonte Scuola, 25.10.2015.  

puzzle-ruoli1F

La pubblicazione da parte degli USR della ripartizione dei posti di potenziamento ha fatto pensare ad una accelerata alla fase C delle immissioni in ruolo. In realtà la timeline procede come indicata dal Ministero nella circolare del 21 settembre 2015 e ci si attende che le proposte dei ruoli avverrà, come stabilito, a fine novembre.

La timeline prevedeva infatti la pubblicazione del decreto di ripartizione dei posti entro il 22 ottobre. Data rispettata.

Il passaggio successivo, anch’esso altrettanto delicato, sarà quello dell’assegnazione dei posti alle scuole. L’immissione dei dati definitivi avverrà dal 12 al 20 novembre.

Ricordiamo che la distribuzione dei posti e, nelle scuole secondarie di I e II grado, la relativa ripartizione per classi di concorso, sarà effettuata per il tramite degli Ambiti Territoriali sulla scorta di quanto indicato nella nota ministeriale prot. n. 30549 del 21.09.2015, delle priorità espresse dai Dirigenti scolastici e in base al grado di complessità delle singole istituzioni scolastiche.

L’assegnazione dovrà cioè tenere conto del numero degli alunni (tranne scuola dell’infanzia), ponendo attenzione alla presenza di aree montane o piccole isole, o aree interne, a bassa densità demografica o a forte processo immigratorio, nonchè elevata dispersione scolastica.

La circolare ci dice che andrà assicurata una dotazione minima di norma non inferiore a 3 posti e non superiore a 8 posti per istituzione scolastica, ma non sappiamo ancora se tale limite potrà essere rispettato.

Si dovrà anche tener conto della classe di concorso dell’esonero o semiesonero del collaboratore del Preside.

E’ il momento in cui sapremo se ci saranno insegnanti utilizzati da classi di concorso relative al secondo ciclo di istruzione anche alle scuole del primo ciclo. Allo stesso modo il personale della scuola primaria potrà essere utilizzato per progetti di continuità che investano anche l’infanzia.

Dunque, dal 20 novembre in poi sarà tutto pronto per gestire le proposte di immissione in ruolo. Non ci sono ancora indicazioni ufficiali sulle modalità con cui verrà gestita la proposta, se non quella generica fornita dal Miur in estate ” L’aspirante docente, successivamente alla comunicazione del fabbisogno da parte delle scuole, verifica su Istanze Online se ha ricevuto una proposta di nomina. In caso positivo, sempre su Istanze Online , deve accettare o rifiutare tale proposta entro i successivi dieci giorni.”

Ricordiamo, come già avvenuto per la fase B delle immissioni in ruolo, che chi rinuncia alla nomina è automaticamente cancellato da tutte le graduatorie in cui è iscritto.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl