Blocco scrutini o “tutti a casa” dopo lo sciopero di maggio?

Peraltro l’appoggio esplicito della Cgil allo sciopero
da una parte conforta e rincuora, dall’altra induce a cautela e causa interrogativi.

di Vincenzo Pascuzzi – 21 aprile 2015

sciopero_51a

 

“L’appoggio che la Camusso ha dato all’intera operazione fornisce una prova ulteriore circa la natura politica dello sciopero. ‘Politica’ vuol dire che il bersaglio è il governo Renzi in quanto tale, non il ministro Giannini”, (v. Giovanni Cominelli – ilsussidiario.net).

Certo che è così, ma Renzi se l’è cercata lui! Impuntandosi sul ddl “buona scuola” e forse sotto-valutando l’ampiezza, la consistenza e la determinazione delle reazioni causate dalla sua riforma sconclusionata, senz’anima e peggiorativa.

Renzi ha da tempo esautorato il ministro Giannini: “L’estate scorsa, Giannini era andata al Meeting di Rimini per illustrare le linee guida della riforma della scuola. Ebbene il giorno dopo, il presidente del Consiglio quelle linee guida le ha praticamente riscritte di sana pianta in una riunione in cui c’erano tutti (dai sottosegretari fino agli ultimi deputati della commissione) tranne il ministro titolare” (v. Salvatore Merlo – ilfoglio.it).

Renzi a settembre aveva assicurato “non calo la riforma dall’alto” e adesso invece sta frustrando a sangue il Parlamento, ha imposto un ddl più veloce di un decreto-legge, prima dice di non capire i sindacati e poi irride e sbeffeggia lo sciopero, vuole scrivere una lettera ai docenti (sembra qualcosa a metà strada tra il “Contratto con gli Italiani” di B. e la “lettera alla malafemmina” di Totò e Peppino)!

Peraltro l’appoggio esplicito della Cgil allo sciopero da una parte conforta e rincuora, dall’altra induce a cautela e causa interrogativi. Infatti ci sono stati ritardi e dubbi sulla adesione allo sciopero, sono stati gli studenti dell’UdS, la Gilda e alcune RSU della Flc a incalzare le Confederazioni, non si conosce (almeno non è pubblico) il tipo di accordo intervenuto tra Cgil, Cisl, Uil, Snals, Gilda, non si conoscono propositi e programmi per il dopo 5 e12 maggio.

Cosa farà il quintetto dei sindacati “rappresentativi” se Renzi non modifica il suo programma? Si accontenteranno di qualche emendamento marginale per decretare “tutti a casa” felici e contenti? Oppure?

Al momento, solo Gilda ha ipotizzato il blocco degli scrutini. Sarebbe bene che anche Cgil, Cisl, Uil, Snals si pronunciassero e insieme prendessero impegni precisi.

——-

Lo sciopero del 5 maggio? Prova che quella di Renzi è una vera riforma (per ora)

http://www.ilsussidiario.net/News/Educazione/2015/4/21/SCUOLA-Lo-sciopero-del-5-maggio-Prova-che-quella-di-Renzi-e-una-vera-riforma-per-ora-/601675/

Il mistero Stefania Giannini, avulsa e confusa, che resterà la ministra “basita”

http://www.ilfoglio.it/politica/2015/04/16/il-mistero-stefania-giannini-avulsa-e-confusa-che-rester-la-ministra-basita___1-v-127839-rubriche_c689.htm

Manifestazione scuola: blocco scrutini dopo sciopero 5 maggio

http://www.gildains.it/news/ultima1.asp

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl