Buona Scuola, leggi il testo dello schema di decreto sulla valutazione e sull’esame di Stato

tuttoscuola_logo14Tuttoscuola  2.1.4.2017

– I decreti legislativi della Buona Scuola approvati dal Consiglio dei Ministri sono stati emanati dal Presidente della Repubblica lo scorso 13 aprile, ma rimangono in attesa di pubblicazione.Tuttoscuola però ha iniziato già questa mattina a darvi in esclusiva i testi della versione “bollinata” degli schemi dei decreti legislativi attuativi delle deleghe di cui alla legge n. 107 del 2015, articolo 1, comma 181, lettere dalla b) alla i) che sono stati all’attenzione del Quirinale. Siamo partiti dallo schema di decreto relativo al reclutamento e alla formazione iniziale degli insegnanti, abbiamo visto quello sull’inclusione degli alunni con disabilità e ora è la volta di quello sulla valutazione e sull’esame di Stato. Nelle prossime ore e nei prossimi giorni pubblicheremo anche i restanti 5 schemi di decreto.

Buona Scuola, clicca qui e leggi il testo dello schema di decreto sulla valutazione e sull’esame di Stato

Schema di decreto sulla valutazione e sull’esame di Stato by Tuttoscuola on Scribd

Schema di decreto Valutazione, ecco i punti principali

Nei giorni scorsi il Miur ha pubblicato degli approfondimenti relativi ad ogni schema di decreto, In particolare, per quanto riguarda quello sulla valutazione, apprendiamo che i punti qualificanti sono:

il decreto legislativo modifica il modello di valutazione usato nella scuola del primo ciclo, senza stravolgimenti bensì nell’ottica di apportare i miglioramenti dei quali, negli anni, la comunità dei pedagogisti ha condiviso l’opportunità.
– In questo quadro, nel primo ciclo di istruzione, la valutazione descrive le competenze raggiunte dagli alunni, fermo restando il modello dei voti in decimi.
– Nella scuola secondaria di primo grado cambia l’esame di Stato, con una riduzione del numero di prove, finalizzato a una verifica semplificata e con una valutazione che tiene conto del percorso scolastico degli studenti.
– Quanto al secondo ciclo, l’esito dell’esame di maturità viene agganciato in maniera più stretta al percorso di studi.
– Lo svolgimento dell’attività di alternanza scuola-lavoro diventa requisito di ammissione all’esame di maturità, a testimonianza della necessità di un sapere sempre più connesso al “saper fare” e al saper relazionarsi con gli altri.
Le prove Invalsi escono dall’esame di Stato e saranno svolte anche sull’inglese, in convenzione con enti certificatori.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl