Chiamata diretta. Dirigenti non possono assumere parenti, ma Miur non lo ricorda nelle Linee Guida

Orizzonte_logo14

Avv. Marco Barone, Orizzonte Scuola,  27.7.2016

dimenticanza2

– Alla fine la nota, non vincolante, meramente indicativa da parte del MIUR sulla complessa questione della chiamata diretta è arrivata. Una nota che contiene termini, da intendersi, a parer mio come ordinatori, una nota che contiene diverse indicazioni, alcune, a dire il vero, incomprensibilmente suggerite.

Penso per esempio nella parte in cui si scrive che “I dirigenti scolastici, per ciascuno dei posti, individuano così il docente cui proporre l’incarico, eventualmente anche mediante colloqui, in presenza o in remoto (ad es. videochiamata, skipe,…. ).”

Quale datore di lavoro, serio, e responsabile effettuerebbe mai un colloquio lavorativo, di selezione del personale, nella Pubblica amministrazione, e per un posto sensibile e delicato come quello della scuola, via skype?

Da segnalare anche questa indicazione: “una seconda fase (cfr. comma 82 ultimo periodo della Legge) per l’individuazione e l’assegnazione dei docenti alle scuole da parte degli Uffici scolastici regionali nei casi residuali in cui la prima fase non abbia consentito di provvedervi. individuano un numero congruo di criteri, indicativamente da tre a sei, anche in ordine di priorità, coerenti con il Piano triennale dell’offerta formativa e il Piano di miglioramento, corrispondenti alle competenze richieste per l’individuazione dei docenti.”.

Ora, come è noto  il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF), è integrato (Art. 3 dpr 275/1999 novellato dal comma 14 dell’art. 1 L. 107/2015) con il Piano di Miglioramento dell’istituzione scolastica, previsto dal D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80. Il punto 3 del comma 14 della Legge 107 del 2015 afferma che “il piano indica altresi’ il fabbisogno relativo ai posti del personale amministrativo, tecnico e ausiliario, nel rispetto dei limiti e dei parametri stabiliti dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 2009, n. 119, tenuto conto di quanto previsto dall’articolo 1, comma 334, della legge 29 dicembre 2014, n. 190, il fabbisogno di infrastrutture e di attrezzature materiali, nonche’ i piani di miglioramento dell’istituzione scolastica previsti dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 2013, n. 80.”

Dunque, perché la necessità di scorporare in un certo senso il PTOF dal PDM? Quando questo, per Legge, rientra nel PTOF?

Così come non è sfuggita all’attenzione di molti, il fatto che nella nota del MIUR del 22 luglio 2016, non si è effettuato alcun richiamo espresso, e diretto forse al comma più importante della chiamata diretta,  il comma 81 : “Nel conferire gli incarichi ai docenti, il dirigente scolastico e’ tenuto a dichiarare l’assenza di cause di incompatibilita’ derivanti da rapporti di coniugio, parentela o affinita’, entro il secondo grado, con i docenti stessi.”

Questione già dibattuta e non da poco conto. Probabilmente il mancato richiamo non è avvenuto per ragioni tecniche, forse perché non pertinente alla nota del 22 luglio che ora si commenta, cosa a parer mio fuorviante, o forse perché ritenuto superfluo un simile richiamo, cosa altrettanto fuorviante, viste le preoccupazioni che sono emerse in materia da più soggettività.

Infatti, si deve ricordare che già in passato sono state sollevate enormi perplessità sulla questione della chiamata diretta, che rischia di fomentare la corruzione all’interno della scuola tramite “l’attuazione di discriminazioni e favoritismi nell’individuazione all’interno degli ambiti territoriali del personale cui conferire incarichi, suggerendo l’Autorità in materia alcune pratiche preventive di un certo rilievo.

Probabilmente, ed è quello che si auspica, arriverà qualche integrazione da parte del MIUR, che dovrà spiegarci come il comma 81 troverà applicazione nella scuola, con quali modalità operative ecc.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl