Collegio dei docenti: è possibile inserire un argomento all’ordine del giorno nel corso della seduta?

Orizzonte_logo14

di Paolo Pizzo, Orizzonte Scuola,  14.10.2016

normativa02

– L’ordine del giorno e la durata della seduta sono indicati nella convocazione dell’organo collegiale.

Ricordiamo che le modalità di convocazione sono stabilite da un regolamento interno alla scuola, in assenza si applica l’art 40 del D.lgs 297/1994 il quale stabilisce che “In mancanza dei regolamenti interni previsti dal presente titolo gli organi collegiali operano sulla base di regolamenti tipo predisposti dal Ministero della pubblica istruzione.”

Nel nostro caso si dovrà applicare la C.M. n. 105 del 16/04/1975 che dispone:

  • La convocazione degli organi collegiali deve essere disposta con un congruo preavviso – di massima non inferiore ai 5 giorni – rispetto alla data delle riunioni.
  • La convocazione deve essere effettuata con lettera diretta ai singoli membri dell’organo collegiale e mediante affissione all’albo di apposito avviso; in ogni caso, l’affissione all’albo dell’avviso è adempimento sufficiente per la regolare convocazione dell’organo collegiale.
  • La lettera e l’avviso di convocazione devono indicare gli argomenti da trattare nella seduta dell’organo collegiale.

È possibile discutere di argomenti non compresi nell’o.d.g ed eventualmente deliberare in tal senso?

In linea generale l’organo collegiale può legittimamente deliberare solo su questioni che siano state preventivamente e precisamente indicate nellordine del giorno di cui all´atto di convocazione.

Esistono però delle eccezioni stabilite dalla giurisprudenza:

  • nella decisione n. 679 del 14 luglio 1970 del Consiglio di Stato è specificato:  “è legittima la deliberazione di un organo collegiale adottata in ordine a una materia non specificamente indicata all´ordine del giorno, allorché risulti per certo che tutti i componenti del Collegio erano preparati per discutere l´argomento e lo hanno discusso, deliberando all´unanimità”.
  • nella decisione n. 321 del 10 luglio 1985 TAR ritorna sull’argomento specificando: “È illegittima la deliberazione dell´organo collegiale che sia stata assunta su un argomento non inserito preventivamente all´ordine del giorno, salvo che alla trattazione della questione abbiano partecipato tutti gli aventi diritto”.

Pertanto, la deliberazione è possibile solo alle condizioni indicate nelle sentenze citate, che esprimono la necessità di un voto consapevole ed adeguatamente preparato per ciascun membro dell´organo collegiale.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl