Concorso a Cattedra 2016: tempi, prove posti, destinatari, programmi. La scheda aggiornata

Orizzonte_logo14

di Anselmo Penna  Orizzonte Scuola, 29.11.2015.  

bandiera-scacchi-concorso3

Entro la fine del mese sarà pubblicato il bando per il concorso a cattedra che si svolgerà nel 2016. Poche le notizie trapelate dalla Commissione che sta lavorando al documento.

Riportiamo alcune notizie raccolte dalla nostra redazione relativamente al concorso a cattedra 2015/16. Si tratta di notizie che non sono definitive e che potrebbero essere suscettibili di modifiche.

Infatti, la commissione ministeriale è al momento ancora al lavoro per l’elaborazione del  bando che non è ancora giunto ad una versione definitiva.

DESTINATARI
Docenti curriculari e di sostegno non di ruolo in possesso di abilitazione all’insegnamento.
Si può partecipare al concorso per le abilitazioni possedute e per l’ordine di scuola corrispondente al titolo di specialiazzazione in possesso.
Il concorso a cattedra 2015/16 è rivolto a tutti i docenti abilitati, inclusi i possessori del diploma magistrale entro il 2001/02.
Approfondisci:
Concorso a cattedra 2015: chi può accedere? Chiarimenti su 180 giorni di servizio, i 36 mesi, i laureati entro a.a. 2001/02
Concorso cattedra 2015: accedono anche diplomati magistrale 2001/02. Il caso del titolo triennale e diploma a indirizzo linguistico

Requisiti di accesso
Abilitazione all’insegnamento

POSTI A BANDO
Secondo quanto riferiscono il Ministro Giannini e il Sottosegretario Faraone, i posti messi a bando saranno 63.700, così distribuiti:

  • 6.800 scuola dell’infanzia
  • 15.900 primaria
  • 13.800 scuola secondaria di I grado
  • 16.300 scuola secondaria di secondo grado
  • 10.900 sostegno.

TEMPI
Il bando è previsto entro l’inizio di dicembre e l’avvio delle prove entro i primi mesi del 2016. Il termine delle operazioni del concorso sono previste in tempo utile per le assunzioni 2016/17.

PROVE
Per la scuola secondaria di I e II grado non è prevista alcuna prova di accesso, ci saranno una prova scritta ed una orale
Per la scuola dell’infanzia, primaria è prevista una prova di accesso preselettiva, più una prova scritta ed una orale.
Per il sostegno, non siamo a conoscenza se è prevista una prova di accesso, le modalità delle altre due prove dovrebbero essere immutate.
Per la prova di accesso si prevedono 60 domande a risposta multipla.
Per la prova scritta  La prima prova sarà, come anticipato ampiamente dalla nostra redazione, “computer based” e dovrebbe consistere in domande con risposte multiple e altri quesiti a risposta aperta sintetica.
Per la prova orale si prevede una prova simulata, sul modello del concorso 2012. E’ possibile che l’esame verta anche sulle competenze informatiche e linguistiche.

PROGRAMMI
Per quanto riguarda i programmi di studio, non dovrebbero esserci differenze rispetto al concorso 2012, una rivisitazione potrebbe aversi per gli insegnamenti della tabella C.

TITOLI
Saranno valutati solo al superamento delle altre prove.
Limitatamente al predetto bando sono valorizzati, fra i titoli valutabili in termini di maggiore punteggio:
a) il titolo di abilitazione all’insegnamento conseguito a seguito sia dell’accesso ai percorsi di abilitazione tramite procedure selettive pubbliche per titoli ed esami, sia del conseguimento di specifica laurea magistrale o a ciclo unico;
b) il servizio prestato a tempo determinato, per un periodo continuativo non inferiore a centottanta giorni, nelle istituzioni scolastiche ed educative di ogni ordine e grado.”
Non sappiamo quali altri titoli saranno inseriti nella tabella di valutazione.
La normativa di riferimento è la legge 107/2015.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl