Concorso docenti. Prova orale. Come?

tuttoscuola_logo14Tuttoscuola, 18.5.4.2016 
– Tutte le disposizioni sulla prova orale conclusiva

concorso-prova-orale2A

Il concorso ha superato il giro di boa: 55 prove concorsuali già svolte delle 93 previste e per molti candidati è già ora di pensare alla prova orale, dopo aver lasciato alle spalle la prova scritta. E anche quelli che nelle ultime due settimane, giorno dopo giorno, avranno superato gli scritti, è bene che non restino passivi ad aspettare gli esiti delle correzioni.

Cosa prevedono le norme concorsuali in merito?

I candidati che superano la prova scritta con almeno 28 punti su 40 sono ammessi agli orali.

“I candidati che conseguono l’ammissione alla prova orale ricevono da parte del competente USR comunicazione, esclusivamente a mezzo di posta elettronica all’indirizzo indicato nella domanda di partecipazione al concorso, del voto conseguito nelle prove …, della sede, della data e dell’ora di svolgimento della loro prova orale almeno venti giorni prima dello svolgimento della medesima” (art. 7, comma 6 del bando).

“La prova orale è finalizzata all’accertamento della preparazione sulle problematiche educative e didattiche, sui contenuti degli specifici programmi d’insegnamento e sugli ordinamenti, … secondo quanto previsto dall’Allegato A, che costituisce parte integrante del presente decreto” (art. 9, comma 2 del Decreto ministeriale n. 95/25 febbraio 2016 – Prove di esame e programmi del concorso).

“Le tracce delle prove sono predisposte da ciascuna commissione secondo il programma, i contenuti di cui all’Allegato A e i criteri generali. Le commissioni ne predispongono un numero pari a tre volte quello dei candidati ammessi alla prova. Ciascun candidato estrae la traccia su cui svolgere la prova, 24 ore prima dell’orario programmato per la propria prova. Le tracce estratte sono escluse dai successivi sorteggi”. (art. 9, comma 3 del Decreto ministeriale n. 95/25 febbraio 2016 – Prove di esame e programmi del concorso).

Dopo almeno venti giorni dalla comunicazione dell’USR dell’avvenuto superamento della prova scritta, il candidato ammesso si presenterà nella sede dell’orale, il giorno prima di quello fissato per sostenere la prova davanti alla Commissione.

Sorteggerà una delle tracce predisposte e avrà 24 ore di tempo per preparare la sua lezione.

“La prova orale ha una durata massima complessiva di 45 minuti e si compone:

  1. a. per massimo 35 minuti, di una lezione simulata preceduta da un’illustrazione delle scelte contenutistiche, didattiche e metodologiche compiute;
  2. b.  per massimo 10 minuti, da interlocuzioni con il candidato, da parte della commissione, sui contenuti della lezione e anche ai fini dell’accertamento della conoscenza della lingua straniera di cui ai commi 4 e 5 del presente articolo”.

Una lezione simulata, dunque, preceduta dall’illustrazione dei contenuti e della linea didattica e metodologica adottata.

Il candidato dovrà far riferimento a tutta la sua esperienza e alla sua capacità professionale, ma, a volte, il ‘fai da te’ potrebbe non bastare.

La lezione simulata dovrà consentire l’accertamento della sua preparazione sulle problematiche educative e didattiche, sui contenuti degli specifici programmi d’insegnamento e sugli ordinamenti, contenuti nel più volte citato Allegato e nelle Avvertenze generali che il candidato farà bene a rivedere ed approfondire fin d’ora, senza attendere molto tempo.

Ma dopo, come farà a strutturare quella lezione in modo adeguato, essenziale ed efficace?

Tuttoscuola ha preparato strumenti e indicazioni per una preparazione adeguata a questa seconda sfida, dopo quella dello scritto. Ve ne daremo informazione presto.

Concorso docenti. Prova orale. Come? ultima modifica: 2016-05-19T05:25:57+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl