Concorso scuola docenti, rischio slittamento a 2016. Riforma classi concorso mettono in difficoltà il Ministero. Il punto

Orizzonte_logo14

Orizzonte Scuola,  28.12.2015.  
MIUR-tartaruga-capovolta1

Sul concorso scuola docenti si brancola ancora nel buio. Non ci sono convocazioni di Consigli di Ministri in vista, al momento. Le promesse, per l’avvio entro dicembre, fatte della Giannini e del Sottosegretario Faraone, non hanno trovato seguito.

Sono circa 200mila i docenti che concorreranno per i 66.700 posti che saranno messi a disposizione dai tre bandi (infanzia-primaria, secondaria, sostegno) per l’avvio del concorso a catte che sarebbe dovuto partire entro novembre 2015.

Si tratta di un’attesa snervante per i potenziali candidati, in attesa, secondo quanto affermato dalla Giannini, di una assunzione su tre dei docenti iscritti in Graduatoria d’Istituto.

  • 6.800 scuola dell’infanzia
  • 15.900 primaria
  • 13.800 scuola secondaria di I grado
  • 16.300 scuola secondaria di secondo grado
  • 10.900 sostegno.

Il ritardo è da imputarsi alla riforma delle classi di concorso che il Ministero ha voluto effettuare in concomitanza con il concorso,  in modo da bandire i posti in base al nuovo regolamento.

Però, riformare le classi di concorso non è certo operazione da poter fare in quindici giorni, e il risultato è un ritardo nei bandi, tanto che il Movimento 5 stelle ha presentato una interrogazione parlamentare, parlando di “Concorso fuori legge”.

L’obiettivo resta quello delle assunzioni a settembre 2016, che presuppongono il test preselettivo (che sarà solo per infanzia e primaria) entro primavera, quindi entro giugno la prova scritta ed entro agosto quella orale.

Vediamo nel dettaglio alcune delle indiscrezioni trapelate sul concorso a cattedra, che, ricordiamo, possono essere suscettibili di modfiche.

La prova preselettiva, come già detto, riguarderà le capacità logiche e comprensione del testo. Una parte del test verterà anche sulle competenze digitali e di lingua inglese. Per la prova di accesso si prevedono 60 domande a risposta multipla.

La prima prova, computer based, riguarderà 28 domande divise in domande con risposte multiple e altri quesiti a risposta aperta sintetica. Sia nella prima tipologia che nella seconda ci saranno domande in lingua straniera, 5 probabilmente.

Come già anticipato, è quasi certo per i docenti ITP una terza prova pratica, laboratoriale.

L’orale durerà 45 minuti e riguarderà una prova simulata, sul modello del concorso 2012. Un terzo del tempo sarà dedicato alla motivazione delle scelte didattiche presenti nella lezione simulata.

Tutto sul concorso a cattedra

La scheda

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl