Consiglio dei Ministri. Non si vota di lunedì.

tuttoscuola_logo14Tuttoscuola, 16.5.4.2016 
– Tuttoscuola aveva denunciato una ricaduta negativa sugli ultimi adempimenti dell’anno scolastico
Renzi-CdM3a

Il buon senso ha prevalso: nelle elezioni amministrative si voterà soltanto di domenica anche nel caso di ballottaggio.

La proposta del ministro degli Interni, Angelino Alfano, di aggiungere un altro giorno, il lunedì, alle votazioni previste per domenica, al fine di favorire un maggior accesso al voto, aveva incontrato un certo interesse e consenso.

Sembrava ormai deciso: si sarebbe votato anche lunedì 6 e lunedì 20 giugno. Il Consiglio dei ministri, con un premier un po’ dubbioso, doveva decidere oggi.

E ha deciso: resta confermato che si voterà soltanto di domenica.

Non conosciamo tutte le ragioni di opportunità che hanno indotto il Consiglio dei Ministri a confermare la scelta.

Vogliamo però credere che tra i motivi di ordine politico, economico e sociale vi sia stata anche l’attenzione al maggior disagio che vi sarebbe stato per le scuole, sedi di seggio, sia per la prima consultazione del 5-6 giugno che per  il ballottaggio del 19-20

Disagio che Tuttoscuola ha evidenziato nel servizio pubblicato tempestivamente sul nostro sito e riportato anche dalle agenzie di stampa nel quale ancora una volta, sono state invocate soluzioni alternative all’uso delle scuole come sedi di seggi elettorali.

Se si fosse votato anche il lunedì, nelle scuole in cui le lezioni terminano tra il 6 e l’8 giugno, l’ultimo giorno di scuola sarebbe stato il 1° giugno, mettendo a rischio il raggiungimento minimo dei 200 giorni di lezione.

Per il ballottaggio le aule sarebbero state agibili a ridosso dell’esame di Stato e dell’esame suppletivo di scuola media.

Consiglio dei Ministri. Non si vota di lunedì. ultima modifica: 2016-05-16T22:17:35+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl