Cyberbullismo: protocollo d’intesa Miur-Camera

notizie-scuola_logo2

Notizie della scuola,  14.10.2016

– Nell’ambito delle iniziative volte a contrastare i fenomeni di cyberbullismo, il Presidente della Camera Laura Boldrini e il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini sottoscrivono un protocollo d’intesa per la diffusione nelle scuole della Dichiarazione dei diritti e doveri in Internet, che reca i principi per un uso corretto e consapevole della rete.

cyberbullismo19a cyberbullismo19

Internet si configura sempre più come una risorsa globale: uno spazio importante per l’autorganizzazione di persone e gruppi, uno strumento fondamentale per promuovere la partecipazione individuale e collettiva ai processi democratici. A seguito dei recenti fatti di cronaca, sempre maggiore importanza assume insegnare ai nostri ragazzi un uso corretto e consapevole di internet, con le sue enormi potenzialità, ma anche con tutti i suoi rischi.

Nell’ambito delle iniziative volte a contrastare i fenomeni di cyberbullismo, lunedì 17 ottobre 2016, a partire dalle ore 16.00, presso il Teatro Palladium di Roma, si svolge un evento di sensibilizzazione organizzato da Miur e Camera dei Deputati, che culmina con la firma, da parte del Presidente Laura Boldrini e del Ministro Stefania Giannini, di un Protocollo d’Intesa per la diffusione nelle scuole della Dichiarazione dei diritti in Internet.

La Dichiarazione, elaborata lo scorso luglio dalla Commissione di studio per i diritti e i doveri in internet istituita dal Presidente della Camera, è strumento indispensabile per dare fondamento costituzionale a principi e diritti recepiti anche da una dimensione sovranazionale. L’Unione  europea, infatti,  è  oggi  la   regione  del  mondo  dove  è   più  elevata  la  tutela  dei   dati   personali,    esplicitamente  riconosciuta  dall’art.  8  della  Carta  dei   diritti    fondamentali,    che    costituisce    il    riferimento     necessario  per  una  specificazione   dei  principi  riguardanti   il  funzionamento  di  Internet in  una  prospettiva   globale.

La Dichiarazione è costituita da 14 articoli, che affrontano le principali e più delicate problematiche  connesse all’uso di internet: Riconoscimento e garanzia dei diritti; Diritto di accesso; Diritto alla conoscenza e all’educazione in rete; Neutralità della rete; Tutela dei dati personali; Diritto all’autodeterminazione informativa; Diritto all’inviolabilità dei sistemi, dei dispositivi e domicili informatici; Trattamenti automatizzati; Diritto all’identità; Protezione dell’anonimato; Diritto all’oblio; Diritti e garanzie delle persone sulle piattaforme; Sicurezza in rete; Governo della rete.

Si tratta dunque di un documento fondamentale per garantire a ciascun individuo l’esercizio di una cittadinanza digitale attiva nel rispetto della libertà, dignità e diversità di ogni persona. La garanzia di questi diritti è condizione necessaria per assicurare il funzionamento democratico delle Istituzioni; ben si comprende quindi l’importanza del protocollo d’intesa Miur-Camera, affinché il testo venga conosciuto e diffuso nelle nostre scuole.

L’evento di sottoscrizione dell’intesa è condotto dal giornalista Luca Pagliari, ospita la testimonianza della studentessa Flavia Rizza, e vede la partecipazione dell’attrice Paola Cortellesi, interprete di un apprezzato monologo contro il bullismo, del Presidente di “Sos Il Telefono Azzurro” Ernesto Caffo, del  Direttore dei Programmi Italia-Europa di Save the Children Raffaela Milano.

L’iniziativa è seguita dal progetto Generazioni Connesse (con streaming sul relativo portalewww.generazioniconnesse.it) che ha tra i diversi obiettivi quello di rendere gli studenti testimoni di un approccio costruttivo a internet, attraverso l’acquisizione di competenze digitali che consentano loro un uso critico dei social network e di tutte le risorse che la rete offre.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl