DdL, per gli abilitati di II fascia forse la porta delle assunzioni non è chiusa

Tecnica_logo15

 La Tecnica della scuola  Giovedì, 21 Maggio 2015

La ha fatto intendere il premier rispondendo ad un docente precario veneto che ha svolto il Tfa: siamo in centomila che rischiamo il licenziamento. La replica di Renzi: sulla seconda fascia stiamo ragionando. Ma la faccenda è complessa.

precari_mare-guai2

Anche se alla Camera non ci sono state aperture, per gli abilitati di II fascia forse la porta delle assunzioni non è chiusa. Lo ha fatto intendere il premier Renzi rispondendo a un insegnante che durante il suo incontro elettorale a Vicenza gli ha chiesto, il 21 maggio, di trovare una soluzione per i docenti precari abilitati collocati in seconda fascia d’Istituto, in particolare per i cosiddetti ‘tieffini’. Per loro, infatti, alla mancata assunzione, riservata nel DdL ‘La Buona Scuola’ a coloro che sono inseriti nelle GaE o hanno vinto l’ultimo concorsone, potrebbe aggiungersi la beffa: con l’avvio dell’organico funzionale, infatti, potrebbero perdere le supplenze annuali e scivolare nell’“inferno” di quelle temporanee.

“Con il disegno di legge licenziato – ha detto il docente Stefano Ancillotto, docente precario di italiano e storia in un istituto di Conegliano Veneto – perderemo in decine di migliaia il posto di lavoro noi insegnanti di seconda fascia. Siamo in centomila che rischiamo il licenziamento. Non vorrei che questa attesa fosse di carattere elettorale”.

Su questa situazione “stiamo ragionando, quello che mi dà noia è che qualcuno ha fatto il Tirocinio formativo attivo e lo ha pure pagato”, ha risposto il presidente del Consiglio.

La questione non è da poco. Soprattutto perché senza l’autorizzazione del Mef, le assunzioni aggiuntive sarebbero impossibili da realizzare. E siccome un’eventuale apertura da parte del Parlamento per chi si è abilitato tramite Tfa, tirerebbe nel “calderone” delle immissioni in ruolo anche altre categorie di abilitati, ad iniziare da chi ha svolto i corsi Pas, su questo genere di decisioni la maggioranza deve procedere per forza in modo cauto.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl