Docenti e stipendi: sono pagati abbastanza?

Tecnica_logo15B

La Tecnica della scuola  29.11.2016

prof-superiori3

– Interessante approfondimento della FLC CGIL sull’ultimo rapporto Eurydice. Ecco quanto riportato sul sito del sindacato Confederale.

Chiunque sarebbe d’accordo con il giornalista americano Charles Kuralt: buoni insegnanti sanno come tirare fuori il meglio degli studenti. Ma i governi e le autorità pubbliche sanno come tirare fuori il meglio di insegnanti? Quali sono i fattori che motivano i giovani a intraprendere la professione di insegnante, li sostengono nel fare il lavoro migliore possibile, e li incoraggiano a rimanere?

Una prima risposta comune potrebbe essere il denaro. Dolton e Marcerano-Gutierrez hanno studiato il rapporto tra i salari degli insegnanti e i risultati degli alunni, mostrando una correlazione positiva tra una retribuzione più elevata e punteggi più alti degli studenti (in TIMSS e PISA). Essi sostengono che gli stipendi più alti per i nuovi insegnanti rendono più competitivo l’ingresso alla professione ed aumentano il livello medio di chi entra. Inoltre, una volta reclutati, la possibilità di raggiungere livelli retributivi più elevati e/o di ricevere una paga maggiore legata alle prestazioni, può fungere da incentivo anche per gli insegnanti per migliorare i risultati educativi degli alunni.

Ma tutti sappiamo che il denaro non è tutto. Ben Jensen et al., in un recente studio, sottolineano l’enfasi che sistemi di istruzione basati su prestazioni più performanti mettono sullo sviluppo professionale di alta qualità. In particolare, la loro ricerca sottolinea l’importanza dell’apprendimento collaborativo professionale, dei programmi di tutoraggio per i nuovi arrivati, e della gratificazione della competenza dell’insegnante.

Questi fattori potrebbero diventare ancora più rilevanti per le politiche di assunzione e di mantenimento negli anni futuri. Recenti indagini degli Stati Uniti suggeriscono che la Generazione 2020, altamente connessa, si aspetta di lavorare di più rispetto alle generazioni precedenti, ha aspettative più alte per il primo stipendio ed è alla ricerca di opportunità per crescere attraverso l’impiego. Partendo dal presupposto che in un’epoca di connessione a livello globale, i giovani europei in linea di massima hanno comportamenti simili, può essere una preoccupazione che l’equilibrio tra lavoro e vita, le sfide intellettuali o il servizio pubblico non sembrino essere tanto importanti quanto lo erano per le generazioni precedenti.

In Europa, il livello delle retribuzioni per gli insegnanti all’inizio della carriera, il potenziale aumento di stipendio per tutta la carriera e la velocità di avanzamento per raggiungere i livelli retributivi più alti variano enormemente in tutti i paesi. Secondo il rapporto recentemente pubblicato da Eurydice su Stipendi e indennità di docenti e dirigenti scolastici in Europa – 2015/16, lo stipendio annuo lordo di partenza per un insegnante è inferiore a 20.000 euro in 18 paesi e addirittura al di sotto di 10.000 in 13. Dopo aver tenuto conto delle differenze del costo della vita, i paesi europei che pagano di più gli insegnanti all’inizio della carriera sono (in ordine) Lussemburgo, Germania, Spagna, Paesi Bassi, Danimarca e Norvegia.

Il rapporto Eurydice mostra che anche le aspettative per l’aumento dello stipendio variano drammaticamente. Romania e Ungheria hanno i più alti aumenti salariali nel corso di una carriera (165% e 145%, rispettivamente), ma gli stipendi di partenza sono bassi e gli insegnanti hanno bisogno di oltre 40 anni di servizio per raggiungere il livello massimo. Stipendi iniziali relativamente più elevati possono raddoppiare dopo circa metà di questo tempo nei Paesi Bassi (15 anni), Cipro e Irlanda (22 anni). Ci sono anche paesi dove la differenza tra gli stipendi massimi e minimi è molto più bassa. Tuttavia, mentre in Scozia e Irlanda del Nord, gli insegnanti possono raggiungere questo massimo solo dopo 6 e 10 anni di servizio rispettivamente, nella Repubblica Ceca e in Slovacchia ci vogliono più di 30 anni.

Solo pochi paesi in Europa (Bulgaria, Repubblica Ceca, Lettonia, Austria, Romania e Slovenia) utilizzano pagamenti aggiuntivi per gli insegnanti sulla base di una valutazione delle performances positive degli studenti o sui risultati dei loro esami. Allo stesso modo, la maggior parte dei paesi non concede indennità specifiche per l’acquisizione continua di qualifiche di sviluppo professionale. Inoltre, secondo il rapporto Eurydice 2015 su La professione di docente in Europa, le attività di sviluppo professionale che sono offerte che non sempre corrispondono alle esigenze degli insegnanti e non sono sufficientemente concentrate sui metodi di insegnamento. In particolare, l’apprendimento collaborativo professionale (preparazione comune delle lezioni, ad esempio, e la organizzazione di materiali didattici, la frequentazione delle lezioni di altri insegnanti e il feedback relativo) è ritenuto efficace, ma spesso non è una possibilità.

Gran parte della sfida è la creazione delle condizioni per un ambiente di lavoro di alta qualità che consenta ai docenti di crescere e completarsi, per poi eccellere nella loro professione. Basarsi esclusivamente sul desiderio intrinseco di giovani insegnanti di ricambiare e di servire la società non è probabilmente sufficiente: stipendi competitivi sono anche un segnale del valore che diamo ai nostri docenti.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl