Dopo “La Buona Scuola” ci sarà “La Grande Scuola”?

RTS_logo2di Aldo Domenico Ficara, Regolarità e Trasparenza nella Scuola,  6.11.2016

grande-scuola1 – Passato il 4 dicembre, data del referendum costituzionale, qualcuno inizierà a fare i conti sulle reali probabilità riguardanti l’inizio dei lavori parlamentari ( nuovo governo ) su una possibile nuova riforma nel mondo dell’istruzione, qualcuno l’ha già battezzata  “La Grande Scuola”. Quindi dopo “La Buona Scuola” è probabile che ci sia “La Grande Scuola”. Ancora non trapelano i nomi degli autori di tali lavori, ma i ben informati citano i suoi punti cardine:

  • Licei che passano da 5 a 4 anni di corso
  • Modifica dell’esame di Stato ( introduzione sistemica delle prove Invalsi )
  • Modifica dell’orario settimanale dei docenti
  • Obbligo per tutti i docenti di corsi di aggiornamento sul sostegno
  • Modifiche sulla figura della RSU
  • Alleggerimento delle responsabilità organizzative per i Dirigenti scolastici sulla sicurezza strutturale degli edifici scolastici
  • Revisione del valore legale del titolo di studio
  • Modifiche sui finanziamenti tra scuole pubbliche statali e paritarie

Sempre i ben informati parlano di un ritorno dell’albo professionale dei docenti, ripreso dal disegno legge n. 953 elaborato a suo tempo ( 2008 ) da Valentina Aprea, ma quest’ultima ipotesi trova numerosi contrasti politici. Non ci resta che aspettare, per vedere di persona l’attendibilità di queste fonti ( RTS rimane molto scettica ). Per il momento diciamo “La Grande Scuola “  non vede l’ora di entrare in campo.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl