Funzione pubblica: su mobilità potrebbe esserci clamorosa bocciatura

Tecnica_logo15B

Lucio Ficara,  La Tecnica della scuola  20.3.2016

Pericolo-funzione-pubblica1

– L’accordo  tra i sindacati e il Miur sulla prossima mobilità dei docenti ha  di fatto ignorato alcuni passaggi della legge 107/2015. Infatti nel comma 73 dell’art.1 della legge 107/2015 è scritto che il personale  docente in esubero o soprannumerario nell’anno scolastico 2016/2017 è assegnato agli ambiti territoriali. Inoltre è spiegato anche che dall’anno  scolastico   2016/2017   la   mobilità   territoriale   e professionale  del   personale   docente   opera   tra   gli   ambiti territoriali.

Negli accordi contrattuali tra sindacati e Miur, contrariamente a quanto previsto dalla legge, è puntualizzato che i docenti perdenti posto, potranno trasferirsi a domanda condizionata su scuola e non su ambito. Inoltre la mobilità territoriale e  professionale dei docenti entrati in ruolo entro il 2014, avverrà quasi esclusivamente su scuole e solo in alcuni casi su ambiti. Infatti soltanto nei trasferimenti interprovinciali, e a partire dalla scelta degli ambiti successivi al primo, il docente entrato in ruolo entro il 2014 finirà su ambito territoriale, perché altrimenti se trasferito sul primo ambito scelto, avrà assegnata una scuola come nuova titolarità. Invece per i docenti neoassunti in ruolo nella fase B e C, si applicherà la legge 107/2015 ed in particolare la seconda parte del comma 108. In tale comma è scritto che i  docenti  neo immessi in ruolo da Gae con le fasi B e C  del piano straordinario di assunzioni e  assegnati  su  sede  provvisoria  per  l’anno scolastico 2015/2016,  partecipano  per l’anno  scolastico 2016/2017 alle operazioni di mobilità su tutti gli ambiti  territoriali  a  livello nazionale, ai fini dell’attribuzione   dell’incarico   triennale. Anche i docenti neo immessi in ruolo fase B e C da concorso saranno destinati agli ambiti territoriali, ma in questo caso della sola provincia di immissione in ruolo. In buona sostanza l’ipotesi di contratto sulla mobilità, salva dagli ambiti tutti i docenti soprannumerari e tutti quelli che entrati in ruolo entro il 2014 chiedono volontariamente di trasferirsi.

Da qualche giorno circola una notizia inquietante sulla prossima mobilità dei docenti, che se confermata, provocherebbe un vero e proprio shock per molti docenti.

Si tratta del fatto che potrebbe esserci una clamorosa bocciatura da parte della Funzione Pubblica riguardo l’ipotesi del contratto di mobilità firmato il 10 febbraio dai sindacati (esclusa la Gilda degli insegnanti). Cosa accadrebbe se la Funzione Pubblica bocciasse realmente l’ipotesi di contratto della mobilità 2016/2017? Il Miur sarebbe costretto a correggere diversi punti del contratto, come ad esempio l’art.3 comma 1 in cui è scritto: A decorrere dall’anno scolastico 2016/17 il personale che partecipa alle operazioni di mobilità è assegnato agli ambiti territoriali di cui all’art. 1 comma 66 della legge 107/15, fatto salvo quanto previsto dai successivi commi.

Alcuni dei successivi commi in contrasto con la legge 107/2015 verrebbero immediatamente abrogati, come ad esempio il comma 2 che invece prevede : “Il personale immesso in ruolo entro l’anno scolastico 2014/15 partecipa alla mobilità per acquisire la titolarità in una scuola degli ambiti della provincia di attuale titolarità.  L’ipotesi di contratto di mobilità è dal 10 marzo nelle mani della Funzione Pubblica che dovrà decidere se è lecito derogare ,per un solo anno scolastico, la legge 107/2015. Intanto gli occhi sono puntati su questa decisione, c’è chi scommette che la Funzione Pubblica non farà scherzi, ma c’è anche chi è assolutamente certo che la clamorosa bocciatura è pronta per la prima decade di aprile.

Funzione pubblica: su mobilità potrebbe esserci clamorosa bocciatura ultima modifica: 2016-03-20T18:55:06+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl