Gilda: Renzi scrive? Invece faccia un referendum

tuttoscuola_logo14

Tuttoscuola,  21.4.2015.

Rino-DiMeglio1

 “Invece di rispondere nel merito alle critiche poste nei confronti di un disegno di legge che è un mostro giuridico, Renzi fa opera di disinformazione, sferrando l’ennesimo attacco contro i sindacati accusati di voler scioperare per mantenere il loro potere nelle  scuole. Ma di quale potere si tratti, lo sa solo lui. Non c’è peggior  sordo di chi non vuole ascoltare e il presidente del Consiglio, dichiarando di non capire le ragioni della protesta e annunciando l’intenzione di scrivere una lettera ai docenti per spiegare  la riforma, dimostra ancora una volta di preferire il  monologo al dialogo. A questo punto, gli lanciamo una sfida: faccia un referendum per sapere se gli insegnanti approvano o bocciano la sua Buona Scuola”. E’ quanto scrive in una nota Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti

Di Meglio richiama l’attenzione soprattutto sul reclutamento attraverso gli albi territoriali, che “farebbero perdere cattedra e titolarità, condannando gli insegnanti a essere precari a vita”. Con questa riforma, spiega, “c’è il rischio che, dopo tre anni di servizio in una scuola, un docente venga spostato in un altro istituto, lontano chissà quanti chilometri da casa, magari soltanto perchè risulta poco gradito al  dirigente scolastico”.

Quella che è scesa in piazza sabato scorso a Roma – conclude il sindacalista – era la vera scuola italiana e se Renzi si ostina a non volerla ascoltare, stia certo che gli insegnanti rispediranno al mittente le lettere in arrivo da Palazzo Chigi”.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl