Gli emendamenti al ddl metteranno in discussione lo sciopero?

Tecnica_logo15

 La Tecnica della scuola  Domenica, 19 Aprile 2015

camera_voto5

Nella giornata del 20 aprile si chiudono i termini per la presentazione di emendamenti al disegno di legge. Cosa farà il Governo e cosa faranno i partiti della maggioranza?
C’è chi parla di sciopero a rischio nel caso in cui gli emendamenti tenessero conto delle richieste sindacali.

La giornata del 20 aprile potrebbe fornire indicazioni importanti sia in merito al prosieguo del iter parlamentare del ddl 2994 sia in merito agli scioperi proclamati dai sindacati a partire da quello del 24 aprile di Unicobas, Anief e Usb per concludere con quello dei Cobas del 12 maggio.
Alle ore 12, infatti, scadono i termini per la presentazione in Commissione Cultura degli emendamenti al testo del disegno di legge. Scontato che l’opposizione inonderà di richieste di modifica il tavolo della presidenza, l’attenzione è puntata sull’iniziativa delle forze di maggioranza e dello stesso Governo.
Cosa succederà?
Se si deve dare ascolto alle voci degli ultimi giorni è probabile che lo stesso Partito Democratico presenterà emendamenti anche piuttosto importanti. Per esempio è quasi sicuro che ci saranno proposte di modifica alla norma che prevede la perdita di efficacia delle graduatorie del concorso del 2012 a partire dal 1o settembre 2015.

Ma anche sul tema, assai più caldo, degli albi territoriali potrebbero esserci novità significative dal momento che persiono la relatrice di maggioranza Maria Coscia ha già evidenziato che sarebbe necessario definire criteri precisi ai quali i dirigenti scolastici dovrebbero attenersi per le chiamate dagli albi stessi.

E poi c’è il problema del divieto di rinnovare l’incarico ai docenti che risultino destinatari d incarichi per tre anni consecutivi: se fosse approvata questa norma si aprirebbe la strada ad un contenzioso senza fine ed è anche per questo che una modifica potrebbe essere più che necessaria.
A questo punto la domanda che in molti si pongono è semplice: se nella giornata del 20 aprile dovesse emergere che la maggioranza ed il Governo si dimostrano disponibili a modificare aspetti significativi del ddl, che fine farà lo sciopero del 5 maggio? Saranno ancora tutti d’accordo ad andare avanti o i sindacati più moderati incominceranno a pensare di fare un passo indietro?
La situazione è complessa e delicata e tutto potrebbe accadere.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl