Grave affermazione di Stefania Giannini sugli insegnanti

Tecnica_logo15

  La Tecnica della scuola  Domenica, 26 Aprile 2015

Il livello dello scontro fra il Ministro e il mondo della scuola si sta alzando. Stefano Fassina (PD) suggerisce alla Giannini di chiedere scusa agli insegnanti.

Giannini127

La questione sta diventando veramente delicata e lo scontro tra il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini e gli insegnanti della scuola pubblica italiana ha raggiunto il limite della decenza.
Questa volta è il responsabile del Miur a sferrare un attacco mediatico senza precedenti. Sugli insegnanti, il ministro Giannini afferma:“Maggioranza abulica, minoranza aggressiva”.
Lasciando perdere la minoranza aggressiva che l’ha contestata sonoramente alla festa dell’Unità di Bologna, perché attaccare tutti gli insegnanti bollandoli come abulici?
A difesa degli insegnanti interviene il deputato della minoranza Stefano Fassina, che con un tweet dice: “Ministra Giannini, sono inaccettabili le sue parole su insegnanti: “maggioranza abulica, minoranza aggressiva”. Chieda scusa alla scuola”.
La tensione è alta e sembrerebbe che il ministro Stefania Giannini abbia perso i freni inibitori e a mente fredda, dopo gli accadimenti di Bologna, abbia deciso di  insultare gli insegnanti della scuola pubblica. Perché? Cui prodest? Con il termine abulico, che una glottologa come la Giannini conosce bene il suo significato, il ministro dell’Istruzione ha voluto intendere che i professori sono irrisoluti e perdono il loro tempo senza risolvere nulla.
Tutti i termini potevano essere usati per rispondere agli attacchi di ieri, ma offendere un’intera categoria utilizzando una calunnia è veramente troppo. Sulle spalle dei docenti italiani si sorregge una scuola povera di risorse umane e finanziarie, ed è per la grande professionalità degli insegnanti che la scuola funziona bene. Abulici sono quei politici che non riescono a risolvere le questioni della scuola, come per esempio rinnovare un contratto scaduto da oltre 5 anni o fare una riforma  della scuola per valorizzare veramente la professione docente.
I docenti italiani non si sentono affatto abulici ma proprio il contrario. Attendiamo di capire se il Ministro seguirà i consigli di Stefano Fassina, e porterà le sue scuse ufficiali agli insegnanti, o se invece continuerà ad insistere nei suoi sbagliati convincimenti.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl