Il bonus scontenta molti prof: a Modena scoppia la protesta

di Pasquale Almirante, La Tecnica della scuola  9.12.2017

– Come è noto possono usufruire del bonus, introdotto dal decreto del 2015 sulla “buona scuola”, i docenti di ruolo, scelti in base a criteri di una commissione e a cui i presidi danno «risorse tolte alla contrattazione».

Proprio da qui partirebbe il cortocircuito segnalato – come riporta la Gazzetta di Modena – da molti docenti di Modena e denunciato dalla locale Flc-Cgil: una scuola modenese mette a disposizione 17 mila euro a fronte di un Fondo d’Istituto di 59mila euro. Un’altra ne destina 45mila su un Fis di 121mila.

Quanto vale il bonus insegnanti?

Per gli insegnanti i bonus una tantum possono variare da 300 a oltre mille euro. I presidi, inoltre, non hanno l’obbligo di comunicare a chi sono date le risorse. E così si formano spaccature all’interno degli insegnanti e tra insegnanti e personale non docente. Ma soprattutto, viene segnalato, sono soldi pubblici: è assurdo non sapere a chi vadano.

 Critica la Flc-Cgil di Modena sulla proposta della ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli di portare a quattro anni le superiori di secondo grado.

La sperimentazione di 4 anni

«A Modena e provincia tutte le scuole hanno bocciato la sperimentazione in qualche caso nemmeno proposta. Si sarebbero dovuti svolgere in 4 anni i programmi di 5, riducendo del 30% le ore a disposizione, il numero degli insegnanti e del personale Ata. Un risparmio per lo Stato, un peggioramento per le condizioni delle scuole».

.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl