Il premier cerca il voto degli insegnanti?

RTS_logo2di Aldo Domenico Ficara, Regolarità e Trasparenza nella Scuola,  12.10.2016

renzi-scuola4a

– Nella trasmissione televisiva Politics, presentata dal giornalista Gianluca Semprini  è di scena il premier Matteo Renzi. Il conduttore televisivo sottopone l’illustre ospite a diverse domande, tra cui quella relativa agli eccessivi compiti lasciati per casa agli alunni da parte dei professori. Un problema, questo, sollevato dalle famiglie degli studenti ed evidenziatosi di recente in molte istituzioni scolastiche italiane e dibattuto nelle principali riviste di settore.

Il Presidente del Consiglio si sofferma  sulla questione della scarsa considerazione sociale che l’opinione pubblica ha nei confronti di chi svolge l’importante funzione di insegnante. A tal proposito, sottolinea, inoltre, il suo doppio ruolo di figlio e di marito di insegnanti e, dall’alto della sua carica istituzionale, esprime solidarietà nei confronti di questi bravi e solerti impiegati dello Stato e formatori delle future generazioni. Da considerare che solo qualche mese fa gli insegnanti venivano etichettati,  quando andava bene,  come “fannulloni”.

Il vento cambia. Miracoli del voto referendario ? Se non si pensasse male,  sembrerebbe che il Premier cerchi il voto e il consenso degli insegnanti. Ma guai a pensarlo si potrebbe passare per gufi.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl