Il TAR annulla nuovamente il concorso per dirigenti scolastici in Lombardia

tuttoscuola_logo14

Tuttoscuola,  30.6.2015.  
Il commento preoccupato dell’Associazione Nazionale Presidi (ANP)

tar_giustizia4

Il TAR della Lombardia ha dichiarato in parte accoglibili alcuni ricorsi contro il concorso per dirigenti scolastici della Lombardia con l’effetto di annullare tutti gli atti impugnati, nomine dei vincitori comprese.

È la seconda volta che il giudizio di merito annulla la tormentata procedura del concorso lombardo – osserva in una nota l’ANP – la prima volta affermando il “principio astratto” di una potenziale violazione dell’anonimato delle prove, adesso per l’irregolarità della procedura adottata per la nomina del Presidente della Commissione e dei membri delle due Sottocommissioni, malgrado i provvedimenti relativi siano stati assunti sotto la diretta responsabilità del Capo Dipartimento Istruzione del MIUR, che aveva avocato a sé la gestione del reimbustamento delle prove e della loro ricorrezione a seguito della sentenza del Consiglio di Stato.

ANP commenta come a far le spese di una situazione nella quale l’imperizia e la superficialità si sono combinate in una miscela devastante, sono stati in occasione del primo annullamento novantasei candidati che avevano positivamente superato la prima edizione del concorso e che si sono ritrovati esclusi in fase di ricorrezione, e nel nuovo annullamento circa cinquecento dirigenti di nuova nomina, che non solo hanno superato la riedizione del concorso ma che sono stati inseriti nei ruoli regionali, hanno gestito per un intero anno scolastico istituti anche molto complessi ed hanno superato positivamente l’anno di prova. 

Commenta amaramente l’ANP: Si continua a giocare sulla pelle delle persone in un estenuante, cinico e spietato gioco di rimpallo, nel quale mai nessuno dei diretti responsabili è disposto a rispondere per gli errori commessi.

A questo punto – prosegue ANP – occorre ancora una volta pensare alla soluzione da adottare, a mettere l’ennesima toppa ad un vestito fatto quasi esclusivamente di toppe. L’amministrazione deve farsi carico in tempi rapidi e certi del problema: ci sono centinaia di persone che rivendicano di veder riconosciuti i loro diritti e c’è un sistema scolastico regionale che è già stato messo a dura prova negli anni scolastici passati e che stavolta non reggerebbe al sovraccarico di oltre 600 reggenze.

Chiediamo pertanto all’amministrazione scolastica di adoperarsi in tutti i modi e tempestivamente per porre fine ad una vicenda concorsuale che ha provocato fin troppi danni e dolori e per garantire la continuità dell’azione dirigenziale a salvaguardia degli interessi dei vincitori del concorso e delle scuole lombarde.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl