Immissioni in ruolo: 2015 incarico provvisorio, nel 2016 precedenza mobilità docenti assunti entro 2014/15. Deroga al vincolo triennale

Orizzonte_logo14

di Lalla Orizzonte Scuola  10.5.2015

Assunzioni10

Si va delineando l’art. 8 del DDL Scuola, licenziato dalla Commissione Cultura e dalla prossima settimana in discussione alla Camera. Parliamo di mobilità straordinaria e dell’intreccio con il piano straordinario di immissioni in ruolo.

Vi proponiamo gli art. 5.bis e art. 11.bis introdotti nel testo

Art. 5bis

“Per l’a.s. 2015/16 l’attribuzione di incarichi su albi territoriali per i soggetti di cui al comma 5 avrà carattere annuale.”

I soggetti di cui al comma 5 sono, naturalmente, i destinatari del piano straordinario di immissioni in ruolo di settembre 2015 (GaE e GM vincitori)

Per essi si prospetta, per il 2015/16, un incarico “provvisorio”. L’attribuzione degli incarichi con durata triennale avverrà invece a partire dall’a.s. 2016/17, dopo il piano straordinario di mobilità, così come prospettato dall’art. 11.bis

“11-bis. Per l’anno scolastico 2016/2017 è avviato un piano straordinario di mobilità su tutti i posti vacanti dell’organico dell’autonomia, rivolto ai docenti assunti a tempo indeterminato entro l’anno scolastico 2014/2015. Tale personale partecipa, a domanda e per il predetto anno scolastico, alla mobilità per tutti gli albi territoriali a livello nazionale, in deroga al vincolo triennale di permanenza sulla provincia di cui all’articolo 399, comma 3, del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, come modificato dall’articolo 15, comma 10-bis, del decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito con modificazioni dalla legge 8 novembre 2013, n. 128.

Successivamente, i docenti assunti a tempo indeterminato a seguito del piano straordinariodi cui all’articolo 8 della presente legge e assegnati, in via provvisoria e per l’anno scolastico 2015/2016, agli albi territoriali, partecipano per l’anno scolastico 2016/2017 alle operazioni di mobilità territoriale, anche interprovinciale, ai fini dell’attribuzione dell’incarico triennale.”

N.B. la parte dell’emendamento del comma 11.bis “alle operazioni di mobilità territoriale, anche interprovinciale” va sostituita con “alle operazioni di mobilità su tutti gli ambiti territoriali a livello nazionale”

Quindi, attuato il piano straordinario di assunzioni nel 2015/16 (nel quale potrà capitare che qualcuno non troverà posto nella provincia delle GaE o nella regione delle GM e dovrà essere assunto in altro ambito territoriale, tra quelli scelti nella domanda di assunzione), nel 2016/17, tutti i docenti di ruolo parteciperanno ad un piano di mobilità, distinto in due fasi.

La prima riguarderà i docenti già di ruolo, assunti entro l’a.s. 2014/15, i quali potranno partecipare alla mobilità inteprovinciale su tutti i posti vacanti dell’organico dell’autonomia. Verosimilmente potranno essere considerati tali anche quelli occupati, solo in via provvisoria, dai neoimmessi 2015.

Questi ultimi parteciperanno alla seconda fase della mobilità, su tutti gli ambiti territoriale a livello nazionale.

Nell’emendamento non è scritto, ma chi non dovesse presentare domanda rischierebbe di essere assegnato d’ufficio all’ambito territoriale.

Questo emendamento risponde da un lato alle esigenze di coloro che hanno cambiato provincia nell’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento del 2014 e che adesso, in vista del piano straordinario di assunzioni, chiedono di rientrare e dall’altro alle richieste dei docenti già di ruolo che, stante le attuali regole della mobilità, avrebbero potuto essere penalizzati dal piano straordinario di immissioni in ruolo, che va a coprire tutti i posti disponibili.

PS. Ricordiamo che il personale docente già assunto in ruolo a tempo indeterminato alla data di entrata in vigore della presente legge conserva la titolarità presso la scuola di appartenenza. Il personale docente in esubero o soprannumerario nell’anno scolastico 2016-2017 è assegnato a domanda a un ambito territoriale. Dall’anno scolastico 2016-2017 la mobilità territoriale e professionale del personale docente opera tra gli ambiti territoriali.

Nell’emendamento non sono presenti riferimenti alle tutele di legge, che saranno disciplinate negli appositi contratti.

Alla fine l’emendamento approvato, prima firmataria Carocci, è quello del PD, che aveva già annunciato di voler slittare tutto il complesso intreccio tra piano straordinario della mobilità e assunzioni in ruolo 2015 al prossimo anno scolastico (come da noi anticipato  Per il PD non c’è tempo adesso ), mentre non ha incontrato il favore quello della Lega, che chiedeva di anticipare il piano alla fase precedente alle immissioni in ruolo (concretamente molto dfficile da realizzare, visti i tempi).

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl