Incontro Fedeli-sindacati: abolire chiamata diretta e ambiti

Gilda_logo-zeroB

dall’ufficio stampa della Gilda degli insegnanti,   19.12.2016  

– La Federazione Gilda-Unams conferma la sua netta contrarietà
alla Buona Scuola e ne chiede l´abrogazione in toto

La Federazione Gilda-Unams conferma la sua netta contrarietà alla Buona Scuola e ne chiede l´abrogazione in toto. La posizione rispetto alla legge 107/2015 è stata ribadita dal Consiglio Nazionale del sindacato che ha approvato all´unanimità la relazione presentata dal coordinatore nazionale, Rino Di Meglio.

In occasione dell´incontro di oggi pomeriggio – dichiara Di Meglio – porterò all´attenzione del neo ministro Fedeli le nostre richieste che puntano soprattutto all´abolizione dei due pilastri della riforma: chiamata diretta dei docenti da parte dei dirigenti scolastici e titolarità su ambiti. Al nuovo titolare di viale Trastevere chiederemo, inoltre, il trasferimento al Comitato di valutazione delle risorse del bonus per il merito e la rimodulazione dell´alternanza scuola/lavoro, perché riteniamo che 400 ore per gli istituti tecnici e professionali e 200 ore per i licei siano un tetto troppo rigido e che le scuole debbano invece essere lasciate libere di decidere autonomamente la quantità di tempo da dedicare all´Asl.

Infine – conclude il coordinatore nazionale della Fgu – chiederemo a Fedeli di sanare l´ingiustizia di cui cui sono vittime alcune categorie di insegnanti, fra cui quelli della scuola dell´infanzia e il personale educativo esclusi dal piano di assunzioni realizzato dalla riforma“.

Roma, 19 dicembre 2016
Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti

Allegati

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl