Inglese: Italia penultima in Europa. Peggio solo i francesi. Al top i Paesi Bassi

Corriere-scuola_logo14di Francesco Tortora,  Il Corriere della Sera  15.11.2016 

Secondo l’English Proficiency Index raggiungiamo a malapena la sufficienza nella lingua di Shakespeare. I migliori in Lombardia e Friuli, i peggiori in Umbria, Calabria e Sicilia

lingua-inglese7

Lo studio
Come ogni anno Education First, società svedese leader internazionale nel settore della formazione linguistica all’estero e degli scambi culturali, ha pubblicato l’English Proficiency Index, studio che calcola il livello medio di conoscenza della lingua inglese in 72 paesi del mondo.

Come mostra la mappa pubblicata dall’azienda, in Europa i Paesi che raggiungono risultati ottimi (colore blu – Very high proficiency) sono solo l’Olanda e i paesi scandinavi. Se si esclude il Portogallo, tutti i paesi latini, invece, presentano un livello a malapena sufficiente (colore verde – moderate). Alla fine tra i paesi dell’Unione Europea peggio degli italiani fanno solo i francesi, mentre se consideriamo l’interno continente in fondo alla classifica troviamo ucraini e turchi.

Olanda

Al primo posto della classifica si piazza l’Olanda. I cittadini dei Paesi Bassi hanno un’ottima conoscenza della lingua inglese e raggiungono un punteggio di 72,16 su 100.  Dal punto di vista delle differenze di genere, le donne sono leggermente meno preparate degli uomini mentre i risultati migliori li ottengono i residenti di Amsterdam, L’Aia e di Rotterdam (media 73,65). Danimarca
Al secondo posto con un punteggio di 71,15 si piazza la Danimarca che da anni è ai primi posti della classifica: “Nonostante la grande enfasi sulla formazione linguistica in inglese in tutto il mondo, nessuna regione è ancora in grado di avvicinarsi al livello di padronanza dei cittadini scandinavi” ha dichiarato soddisfatto Christen Bagger, vicepresidente di Education First. Svezia
Sul gradino più basso del podio la Svezia con un punteggio di 70,81. Rispetto all’anno scorso il paese scandinavo ha perso due posizioni e si è fatto scavalcare da Olanda e Danimarca. Le donne, nella classifiche di genera, sono nettamente più preparate degli uomini (71 di media contro 68).

Norvegia
Segue la Norvegia con un punteggio medio di 68,54. Anche a Oslo il divario tra uomini e donne nella conoscenza dell’inglese è sensibile (69 contro 66).

Finlandia

Al quinto posto la Finlandia con un punteggio di 66,61 e un leggero divario tra donne e uomini (67 contro 65).

Lussemburgo

Leggermente più bassa è la conoscenza dell’inglese nel piccolo granducato di Lussemburgo che raggiunge un punteggio di 63,20.

Austria

I cittadini austriaci raggiungono un buon punteggio (62,13) e possono comunque vantare un livello “alto” di preparazione nella lingua inglese.

Germania

Il popolo tedesco conferma di conoscere bene l’inglese e guadagna un punteggio di 61,58

Polonia

L’ex paese comunista ha fatto grandi passi in avanti negli ultimi decenni e quest’anno si posiziona al nono posto in classifica con un punteggio di 61,49.

Belgio

Chiude la top ten europea il Belgio con un punteggio di 60,90. Rispetto all’anno scorso Bruxelles ha guadagnato ben 6 posizioni nella classifica mondiale (è passato dal 17esimo all’11esimo posto). Tuttavia rimane molto netto il gap tra i fiamminghi e i valloni. I primi, praticamente parlano perfettamente l’inglese (punteggio di 68,57). I secondi, invece, sono molto indietro (punteggio 53,08).

Svizzera

Undicesimi si piazzano i cittadini elvetici che conquistano un punteggio di 60,17. Zurigo guida le città anglofone (punteggio 62,33) mentre il Canton Ticino resta più indietro (media 59,76).

Portogallo

Fanno molto bene i portoghesi che si attestano al dodicesimo posto continentale con un punteggio di 59,68. I lusitani sono gli unici popoli latini che possono vantare un livello”alto”.

Repubblica Ceca

La Repubblica Ceca si attesta al tredicesimo posto in Europa con un punteggio di 59,09.

Serbia

Quattordicesimi si piazzano i serbi che conquistano un punteggio di 59,07 e si confermano i cittadini balcanici che conoscono meglio l’inglese.

Ungheria

Ottima è anche la posizione degli ungheresi che si attestano al quindicesimo posto con un punteggio di 58,72.

Romania

Ultimo paese europeo con un livello “alto” è la Romania che è sedicesima in classifica con un punteggio di 58,14.

Slovacchia

Il primo paese in Europa con un livello “sufficiente” dell’inglese è la Slovacchia che raggiunge il punteggio di 57,34

Bulgaria

Segue la Bulgaria con un punteggio di 56,79 che si attesta al diciottesimo posto guadagnando ben 6 posizioni rispetto all’anno scorso. Minimo il divario di genere (57 punti per gli uomini contro 56 delle donne).

Spagna

Molto indietro in classifica è anche la Spagna che raggiunge un punteggio di 56,66. Rispetto all’anno scorso il paese iberico perde due posizioni nella classifica generale. Esistono nella penisola grandi differenze: in alcune regioni come i Paesi Baschi e Le Asturie si registrano punteggi a livelli nordeuropei mentre in zone come l’Extremadura e la Comunità Valenzana la media supera di poco i 53 punti.

Bosnia-Erzegovina

Il paese balcanico raggiunge un punteggio di 56,17 ed è ventesimo nella classifica europea.

Italia

Solo ventunesima nella classifica europea (ventottesima in quella mondiale) è l’Italia con un punteggio di 54,63. Come in Spagna anche nel Belpaese si registrano grandi differenze. Se la media della conoscenza dell’inglese è buona in Friuli-Venezia Giulia, Lombardia ed Emilia-Romagna (57,50), crolla completamente in alcune regioni centro-meridionali come l’Umbria, la Calabria e la Sicilia (49,62). La città con il punteggio migliore è Padova (58,09), seguita da Bologna (57,17) e Milano (56,92). La peggiore è Napoli (50,54). Netto il gap di genere: le donne (punteggio 56,64) prevalgono sugli uomini (53,18).

Francia

La Francia fa peggio dell’Italia è con il modesto punteggio di 54,33 si posiziona al ventiduesimo posto in Europa e al ventinovesimo nel mondo. Tuttavia, rispetto all’anno scorso nella classifica generale i transalpini hanno recuperato ben 8 posizioni, anche se le differenze tra le regione più anglofile (Île-de-France, media 56,22) e quelle meno preparate (Bourgogne-Franche-Comte, media 50,77) è netta. Turchia
Nella classifica europea all’ultimo posto troviamo la Turchia che si piazza ventiseiesima (51esima in quella mondiale). Con il punteggio di 47,89  l’antica Anatolia è l’unico paese europeo con una conoscenza dell’inglese “molto scarsa”. Le donne sopravanzano gli uomini nettamente (punteggio di 49,94 contro 46,28), ma il vero divario è tra le città internazionali come Istanbul e Ankara (media 51,26) e le aree centrali e arretrate (media 45,52). .

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl