Invalsi, il boicottaggio del Sud. Il test rifiutato da due licei su tre

Corriere-scuola_logo14

di Gianna Fregonara,  Il Corriere della Sera  18.7.2015.  

Tra gli istituti tecnici in Sicilia solo uno su 10 ha svolto la prova. Il rischio di
non poter usare i dati per la valutazione. Ajello: non è stata solo protesta politica

invalsi_partecipazione2015

Sarà come una carta di identità senza la fotografia. Chi la potrebbe considerare valida? Le scuole italiane del Centrosud si sono rifiutate in grandissima parte di farsi fotografare dall’Invalsi lo scorso maggio. E la prima carta di identità delle scuole, quel rapporto di autovalutazione (Rav) che avrebbe dovuto essere pronto a luglio ed è già slittato a settembre, in queste regioni resterà fortemente incompleto, insomma per molte scuole inattendibile.Che il «boicottaggio» delle prove Invalsi avesse raggiunto e superato il 20 per cento su base nazionale si sa da maggio, ma i dati pubblicati la scorsa settimana hanno scattato la fotografia della débâcle delle prove in Sicilia, Campania, Calabria e Puglia.

Non ci sono dati per il 2015 su come vanno le scuole in 4 regioni

Il record negativo spetta alle scuole siciliane. Analizzando i numeri delle prove che si sono svolte nelle seconde superiori si legge: Sicilia, partecipazione 11,6 (licei) 10,0 Istituti tecnici, 6,5 istituti professionali. Poco meglio la Puglia (2 licei su 5 e 1 istituto tecnico su 6) e la Campania (1 liceo su tre e 1 istituto tecnico su 6) «È fallito il dato censuario – spiega Annamaria Ajello, presidente dell’Invalsi che solo lo scorso anno poteva celebrare un dato eccezionale, oltre il 98 per cento delle scuole avevano sottoposto i ragazzi al test di valutazione dell’apprendimento – avremo un buco in molte regioni per il 2015, ma stiamo lavorando per avere statistiche attendibili». Come? I funzionari del Miur che hanno compilato il rapporto spiegano che «mediante opportune tecniche statistiche, che saranno oggetto di uno specifico approfondimento metodologico che l’Invalsi pubblicherà entro dicembre, sono stati ricalcolati i pesi delle scuole nelle regioni con alti tassi di astensione in modo che la rappresentatività nazionale fosse garantita», insomma si sono rivolti all’Istituto nazionale di Statistica per cercare di mettere una pezza.
Ma che cosa è successo quest’anno? «Sicuramente la protesta per l’approvazione della riforma che in quei giorni era molto forte – spiega Ajello – ma non basta a spiegare tutto: anche nel Nord ci sono state proteste ma gli insegnanti non hanno usato l’Invalsi». Resta un’eccezione Roma, che con l’alta astensione – soprattutto degli istituti professionali – abbassa fortemente anche la media del Lazio (meno di un istituto su tre ha fatto i test).

E i presidi non sanno come distribuire i premi al merito

Secondo gli esperti del ministero che hanno studiato i dati uno per uno, le scuole che non partecipano «sono quelle i cui allievi hanno sistematicamente risultati più bassi, dove il contesto socioeconomico è meno favorevole e nelle quali l’anno passato si sono registrati comportamenti opportunistici», cioè si copiava di più. È probabile che poiché quest’anno i risultati cominciano ad essere resi pubblici anche scuola per scuola, i professori abbiano preso le loro contromisure. E c’è da immaginare che l’introduzione della valutazione e dei criteri di merito (duecento milioni), che la nuova legge sulla scuola affida ai presidi per premiare gli insegnanti, non sarà una passeggiata: intanto in tutte queste scuole non potrà essere usato come criterio la valutazione delle competenze. Si aggiunga che la sperimentazione appena conclusa dal Miur sulla Valutazione (riforma Gelmini) ha evidenziato che l’idea di essere valutati per un premio non migliora di per sé l’apprendimento anche se rende le scuole più organizzate e che solo un preside su tre ha prontamente usato i soldi-premio per la sua scuola, circa 100 mila euro. Come? Quasi la metà li ha distribuiti a pioggia, gli altri li hanno usati per comprare computer. «Nella scuola non c’è la cultura del premio individuale – spiega Andrea Gavosto della Fondazione Agnelli che ha pubblicato un rapporto sulla sperimentazione – che genera più competizione che collaborazione. Ma soprattutto, se il sistema non sarà in grado di fornire dati affidabili, la valutazione e i premi diventano velleitari».

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl