“Le assunzioni eviteranno il caos”, il ministro Giannini al primo giorno di scuola

Repubblica-scuola_logo1

di Corrado Zunino  la Repubblica,   14.9.2015.  

La firmataria della “Buona scuola” risponde alle domande (arrivate a centinaia) dei lettori durante il videoforum di Repubblica.Tv. “Pochi soldi e fuori sede, l’ho provato anch’io”. “Metteremo mano alla riforma dell’Università e della Maturità”

Giannini-video1

ROMA. “Con le centomila assunzioni eviteremo un inizio dell’anno scolastico nel caos, noi i supplenti li abbiamo nominati con una settimana di anticipo sull’inizio della scuola, l’anno scorso erano arrivati solo il 20 settembre. E’ una dimostrazione che rispettiamo i patti”. Al videoforum di Repubblica Tv, sollecitata da cinquecento mail giunte in redazione, il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini parla della scuola, della Buona scuola, di se stessa e dice: “I tempi sono maturi per un aumento degli stipendi degli insegnanti, che sono bassi”, e poi: “Stiamo mettendo mano alla Maturità, la cambieremo, ma i lavori sono in corso”.

Il ministro, dopo un viaggio difficile della Buona scuola lungo tutto il 2015, a legge approvata dice: “Chi contesta la Buona scuola forse dovrebbe interrogarsi sul perché della stratificazione di centinaia di migliaia di persone nelle graduatorie, che hanno avuto l’illusione di essere assunte senza arrivare mai alla certezza di poterlo fare. Noi abbiamo scelto la strada più difficile, ma è anche quella che entro un anno darà una soluzione definitiva non solo a quelli che hanno accettato il posto, ma anche ai giovani che entrano adesso nel mondo della scuola e possono affacciarsi con una certezza in più, che è il ripristino della Costituzione con il concorso che partirà, come dice la legge, entro il prossimo primo dicembre”.

Sull’argomento caldo dell’estate  –  la migrazione dei docenti dal Sud al Nord – il ministro afferma: “Le parole forti usate per contestarci non rispondono allo spirito della legge. Restare al Sud dipende da condizioni personali e dalle priorità che le persone si sono date. Ognuno è libero, e nessuno ha imposto nulla a nessuno. La Buona scuola dà la possibilità di trasformare un posto instabile da troppo tempo in una certezza che è un diritto per chi fa un mestiere così delicato”. Ancora: “Andare a lavorare fuori, con uno stipendio basso, e pagare le spese è una cosa che ho provato anche io, quando ero ricercatrice all’università, nel 1990-1991. Non ricordo con esattezza lo stipendio, ma certo non era faraonico”. Ha continuato la Giannini: “Spostarsi in un’altra città è un investimento che si fa per una prospettiva che può cambiare, e poi bisogna ricordare i numeri: l’anno scorso abbiamo avuto 7.700 persone che si sono spostate per una supplenza, quest’anno ne abbiamo settemila per un posto di ruolo. Non è una condanna, ma un’opportunità straordinaria offerta da un governo che affronta i problemi senza mettere la testa sotto la sabbia”.

Per chi è fuori da assunzioni e supplenze  –  terza fascia delle graduatorie  –  o non ha abilitazione la strada è quella di un percorso formativo che abiliti alla docenza. E se non ci sarà un secondo ciclo dei Pas (i Percorsi abilitanti formativi), “stiamo studiando un’altra forma di ingresso al mondo della scuola”, a gennaio 2016 sarà invece attivato il Tfa, Tirocinio formativo attivo.

Diversi lettori hanno segnalato soffitti crollati nella giornata di oggi (una scuola di Pisa), presidi che hanno spostato insegnanti e discipline in solitudine. La Giannini replica: “Il caos indicato è molto specifico, limitato e circoscritto. Ci sono sempre mali specifici che si curano con interventi specifici”. Sull’università, “abbiamo investito molto in idee, dibattiti, scontri e confronti, ora i tempi sono maturi per passare al secondo scalino, università e ricerca”. Sostiene: “Sarà un investimento sul capitale umano, quell’elemento di continuità che va dalla scuola dell’infanzia all’università e alla ricerca”.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl