Legge 107: Renzi e Faraone vivono nel mondo delle favole

dall’ufficio stampa della Gilda degli insegnanti,   4.11.2015.  

Il Coordinatore nazionale, RinoDi Meglio, replica al presidente del Consiglio e al sottosegretario al Miur

favole1a

“Forse Renzi e Faraone vivono nel mondo delle favole. Secondo loro, la riforma garantirebbe più soldi e partecipazione alla scuola, sarebbe stata compresa e sarebbero riusciti a far capire quanto sia positiva l´azione intrapresa: dichiarazioni che non rispecchiano affatto la realtà e il caos in cui la legge 107 ha gettato il sistema dell´istruzione”.

E´ quanto afferma Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, che bolla le parole del presidente del Consiglio e del sottosegretario al Miur come tentativi maldestri di distogliere l´attenzione dai gravi danni provocati dalla cosiddetta ´Buona Scuola´.

“Nonostante le parti peggiori della riforma restino in stand-by fino al prossimo anno scolastico (ambiti territoriali, mobilità, chiamata diretta, ndr), quelle entrate in vigore adesso mostrano già i loro effetti nefasti. Sul fronte delle supplenze – spiega Di Meglio – nulla è cambiato e, anzi, la ´supplentite´ si è aggravata: le lezioni sono iniziate da quasi due mesi e in molte scuole ci sono ancora classi senza docenti e ore scoperte. La confusione regna sovrana anche riguardo il comitato di valutazione che si sta rivelando un organismo pletorico. E a nulla servono le faq del Miur che, invece di chiarire i molteplici aspetti controversi, alimentano i dubbi”

“Gli insegnanti italiani – conclude il coordinatore della Gilda – sono tutti troppo cresciuti per credere alle favole”.

Roma, 4 novembre 2015
Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti

 

Allegati:

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl