Legge di Bilancio, Miur: ecco i punti approvati, aumenta l’organico dell’autonomia

Tecnica_logo15B

Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola  30.11.2016

equilibrio-bilancio32.jpg

– Nella serata di mercoledì 30 novembre, il Miur ha pubblicato delle slide di sintesi sui provvedimenti contenuti nella Legge di Bilancio riguardanti Scuola, Università e Ricerca.

Per quanto riguarda l’istruzione pubblica, il Miur dedica all’argomento gli ultimi cinque punti (dal 16 al 20 contenuti nella slide n. 5).

Si conferma l’impegno di 140 milioni per il 2017 e 400 milioni per l’anno successivo, finalizzati ad “aumentare l’organico dell’autonomia”: non si specifica, tuttavia, l’obiettivo di spostare dall’organico di fatto a quello di diritto ben 25mila cattedre (di cui un quinto, 5mila, afferenti al ‘sostegno’ agli alunni disabili), come invece dichiarato più volte dai più alti rappresentanti del Miur. Probabilmente, quindi, i rilievi mossi dalla commissione Bilancio del Mef, che avrebbe più che dimezzato la quota iniziale di 25mila posti da trasformare, hanno un fondamento.

Il ministero dell’Istruzione conferma poi l’impegno di 500 milioni di euro finalizzati all’attuazione delle leggi delega della Buona Scuola (per le quali, ricordiamo, potrebbero slittare i tempi di pubblicazione).

Vengono, inoltre, stanziati 100 milioni di euro per costruire nuovi istituti scolastico, attraverso specifici fondi INAIL.

Passa da 12,2 milioni di euro a 24,4 milioni di euro il contributo statale alle scuole paritarie dove sono iscritti alunni disabili. Sempre a favore delle scuole paritarie, solo però materne, vengono destinati 50 milioni di euro aggiuntivi. Inoltre, si conferma l’incremento progressivo della detrazione Irpef nei confronti delle famiglie che pagano la retta e l’iscrizione dei figli iscritti nelle scuole paritarie.

Si introduce l’esonero contributivo per le aziende che assumono giovani che hanno svolto periodi di stage, nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro, oppure servizio come apprendisti.

Per quel che riguarda il diritto allo studio, Viale Trastevere conferma il sostegno degli allievi più in difficoltà. Oltre che l’incremento di 50 milioni di euro, sempre attraverso la legge di bilancio, a favore delle borse studentesche. A cui si aggiungono almeno 400 borse di studio per il merito e per la mobilità universitaria, da 15mila euro ciascuna.

Sono stati stanziati anche 5 milioni di euro per l’orientamento universitario e per il tutorato.

Via libera, infine, al rimborso, fino a 2.500 euro, per l’acquisto di strumenti musicali: riguardano però solo gli studenti iscritti all’Afam e ai licei musicali.

Ricordiamo che ora i provvedimenti approvati dovranno passare all’esame di Palazzo Madama.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl