Licei musicali: no alla riduzione delle ore di strumento

Gilda_logo-zeroB

dall’ufficio stampa della Gilda degli insegnanti, 7.7.2017

–  La Gilda contro la decisione del Governo di trasformare una delle due ore in ascolto musicale.

“Dimezzare le due ore settimanali di esecuzione di strumento nei licei musicali è un grave errore che rischia di inficiare la preparazione professionale degli allievi”.

Ad affermarlo è la Gilda degli Insegnanti che critica con forza la decisione del Governo di trasformare una delle due ore in ascolto musicale.

“Si tratta di un provvedimento che snatura l´indirizzo di questo tipo di scuola, istituiti da una legge ad hoc nel 2010, e la cui motivazione è chiaramente di natura economica. Ma le esigenze di risparmio – sottolinea la Gilda – non possono ricadere sulle spalle degli alunni la cui formazione deve essere necessariamente di alto livello, in quanto consente l´accesso diretto al Conservatorio e all´Afam”.

“Ricordiamo che, con una sentenza del 2017, il Tar del Lazio, accogliendo il ricorso di un gruppo di docenti e genitori del liceo musicale “G. Bruno” di Roma, ha disposto l´annullamento della nota ministeriale sull´assetto orario. Chiediamo dunque che il provvedimento del tribunale amministrativo venga reso esecutivo e – conclude la Gilda – ci uniamo agli ormai numerosi comitati di genitori che stanno raccogliendo firme in tutti i licei musicali d´Italia”.

Roma, 7 luglio 2017
Ufficio stampa Gilda degli insegnanti

Allegati

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl