L’insegnante ha diritto a 5 giorni di permesso per la propria formazione

RTS_logo2di Aldo Domenico Ficara, Regolarità e Trasparenza nella Scuola,  1.11.2017

– L’art. 64 del CCNL 29.11.2007 al comma 5 dice  che il personale docente ha diritto alla fruizione di 5 giorni nel corso dell’anno scolastico, secondo eventuali criteri di fruizione stabiliti a livello di istituto, per la partecipazione a iniziative di formazione con l’esonero dal servizio e con possibilità di essere sostituiti anche da supplenti nominati dalle graduatorie di istituto.

Inoltre lo stesso articolo fissa un principio fondamentale ovvero quello che il personale che partecipa ai corsi di formazione organizzati dall’amministrazione a livello centrale o periferico o dalle istituzioni scolastiche è considerato in servizio a tutti gli effetti. Qualora i corsi si svolgano fuori sede, la partecipazione ad essi comporta anche il rimborso delle spese di viaggio.

Da notare che la norma parla di permesso “giornaliero” che quindi, una volta fruito, si deve intendere per l’intera giornata a prescindere da eventuali incontri collegiali o impegni lavorativi dell’insegnante.

 

.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl