Ma che c’entra il DdL con il documento “Buona Scuola” di settembre?

Tecnica_logo15

La Tecnica della scuola, Martedì 14 Aprile 2015

Secondo molti nostri lettori il testo del disegno di legge sulla scuola è lontano mille miglia dal documento iniziale di settembre. Ma a cosa è servita, allora, la consultazione on line?

domanda37

Man mano che procede l’iter parlamentare del DdL sulla scuola, le lettere di nostri lettori che criticano, anche duramente, il provvedimento si stanno facendo sempre più frequenti.
La critica più diffusa riguarda la quasi totale difformità del testo su cui si sta iniziando a discutere alla Camera rispetto al documento “Buona Scuola” che il Governo aveva presentato il 3 settembre scorso.
Gran parte delle norme contenute nell’attuale DdL – sostengono molti lettori – non stavano scritte nel documento di settembre, mentre – al contrario – le 150mila assunzioni di cui si parlava 7 mesi fa sono ridotte a 100mila (e non è neppure detto che vadano tutte in porto).
Ma le norme che più di tutte risultano per molti inaccettabili sono quelle sulla possibilità che i dirigenti scolastici assumano i docenti dagli albi territoriali, tanto che – secondo le ultime notizie – sembra che la maggioranza di governo stia pensando a “mitigare” in qualche modo questa regola affidando al collegio dei docenti o al consiglio di istituto il potere di esprimere dei pareri o di coadiuvare in qualche modo il dirigente nella scelta del personale. Difficile dire se anche con questa “correzione” il provvedimento possa essere accettato anche da chi sta contrastando questo aspetto della riforma.
Il fatto è che già il documento di settembre non aveva suscitato particolari entusiasmi, e il testo attuale del DdL appare a molti assai peggiorativo.
C’è tuttavia da chiedersi a cosa sia servita la consultazione on line durata parecchie settimane.
Ma anche le audizioni che si sono svolte a partire dai primi giorni di aprile presso le Commissioni riunite di Camera e Senato non sembrano essere servite a molto. Vedremo comunque al termine di questa prima giornata di dibattito in Commissione Cultura a che punto di “maturazione” sarà arrivato il provvedimento.
Senza dimenticare che i tempi sono sempre più stretti e la possibilità che si possa andare in aula a fine aprile si allontana sempre di più.

IL TESTO INIZIALE DELLA “BUONA SCUOLA” (SETTEMBRE 2014)

IL TESTO DEL DISEGNO DI LEGGE N. 2994 (MARZO 2015)

TUTTO SULLA RIFORMA DELLA SCUOLA

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl