Magie della riforma: l’organico di fatto esce dalla porta e rientra dalla finestra

Tecnica_logo15

Alessandro Giuliani  La Tecnica della scuola  Martedì, 14 Luglio 2015.  

Secondo un approfondimento del testo della Uil Scuola, il provvedimento in via pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale creerà un precariato strutturale: per garantire la copertura dei posti di insegnamento necessari.

altan_3carte

La Uil Scuola sta esaminando con attenzione i singoli provvedimenti contenuti nel disegno di legge del Governo. Insieme alle schede tematiche, sta producendo degli approfondimenti, alla luce di quanto dispone il testo di riforma: in questa occasione si è soffermata sul comma n. 69. Scorrendo il quale, si scopre, per il sindacato guidato da Massimo Di Menna, che “l’organico di fatto esce dalla porta e rientra dalla finestra”.

“Il risultato è evidente: il Governo istituzionalizza il precariato, che diventa strutturale, per coprire  le materie previste dagli ordinamenti”, tira corto la Uil Scuola.

Il comma  69 della riforma (le parti in grassetto sono quelle su cui si è soffermato il sindacato Confederale). 

All’esclusivo scopo di far fronte ad esigenze di personale ulteriori rispetto a quelle soddisfatte dall’organico dell’autonomia come definite dalla presente legge, a decorrere dall’anno scolastico 2016/2017, ad esclusione dei posti di sostegno in deroga, nel caso di rilevazione delle inderogabili necessità previste e disciplinate, in relazione ai vigenti ordinamenti didattici, dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 81, è costituito annualmente con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, un ulteriore contingente di posti non facenti parte dell’organico dell’autonomia né disponibili, per il personale a tempo indeterminato, per operazioni di mobilità o assunzioni in ruolo.

A tali necessità si provvede secondo le modalità, i criteri e i parametri previsti dal citato decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 81. Alla copertura di tali posti si provvede a valere sulle graduatorie di personale aspirante alla stipula di contratti a tempo determinato previste dalla normativa vigente ovvero mediante l’impiego di personale a tempo indeterminato con provvedimenti aventi efficacia limitatamente ad un solo anno scolastico. All’attuazione del presente comma si provvede nei limiti delle risorse disponibili annualmente nello stato di previsione del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca indicate nel decreto ministeriale di cui al primo periodo, fermo restando quanto previsto dall’articolo 64, comma 6, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl