Mobilità, dal Miur niente algoritmo: andremo in tribunale

Gilda_logo-zeroB

dalla Gilda degli insegnanti,   15.9.2016

 Fornito oggi un mero memorandum sul funzionamento della procedura di mobilità ambiguo e confuso



giustizia-tribunale26

“La documentazione che ci è stata fornita oggi dal Miur non risponde in alcun modo a quanto avevamo richiesto con la nostra istanza di accesso agli atti. Si tratta, infatti, di un mero ´memorandum´ sul funzionamento della procedura di mobilità, peraltro ambiguo e confuso”.

A dichiararlo è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti.

“La metà della documentazione fornita è composta da riferimenti normativi che evidentemente – spiega Di Meglio – eludono alla nostra specifica richiesta di conoscere i codici sorgente che, se fossero stati forniti, sarebbero dovuti essere analizzati e valutati da un perito informatico. Inoltre anche la descrizione dell´algoritmo appare lacunosa perché mancano tutte le condizioni previste dal CCNI sulla mobilità che hanno provocato i numerosi errori segnalati dai docenti”.

“A questo punto – dichiara il coordinatore della Gilda – proseguiremo rivolgendoci alla magistratura per ottenere l´algoritmo utilizzato dal Miur per la procedura della mobilità. Quanto al documento consegnato oggi dal ministero, sarà messo a disposizione degli insegnanti che nella scelta della sede di servizio, nonostante vantino un punteggio elevato, sono stati scavalcati da colleghi con punteggi inferiori”.

Roma, 15 settembre 2016
Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti

Allegati

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl