Nuovo Pof, più tempo alle scuole

italiaoggi_logo2

di Alessandra Ricciardi,  ItaliaOggi  6.9.2015.    

Il Miur concede il rinvio. La programmazione dell’offerta va a dopo l’organico potenziato

calendario-orologio3

Troppe novità e incertezze da gestire in un tempo stretto. Le scuole, e di conseguenza il ministero dell’istruzione, stanno facendo i conti con un’attuazione della riforma introdotta dalla legge 107 più complessa di quanto annunciato e che non riesce a rispettare i tempi prestabiliti. L’ultimo caso è l’elaborazione del piano dell’offerta formativa triennale, la programmazione che compete a ogni istituto dei propri fabbisogni e obiettivi. Una carta di identità da rendere consultabile a tutti, a partire dalle famiglie, e in base alla quale, prevede la Buona scuola, definire anche il personale di cui l’istituto ha necessità nell’arco di un triennio. La scadenza era fissata al 30 ottobre. Ieri è giunta la nota del capo dipartimento del Miur, Rosa De Pasquale, che consente lo slittamento fino al 15 gennaio prossimo. In tempo comunque perché il documento possa essere messo on line così da consentire alle famiglie di orientarsi per le iscrizioni, che vanno chiuse di solito entro metà febbraio.

In questi giorni sono piovute copiose al Miur le richieste, in particolare dei dirigenti scolastici, di dare una proroga per il Pof triennale, vista la concomitanza di altre scadenza che stanno impegnando le varie componenti di istituto, come la rilevazione dei fabbisogni ai fini dell’organico potenziato, che arriverà a novembre, ma soprattutto in considerazione del fatto che definire cosa servirà nell’anno scolastico 2016/2017, senza aver sperimentato come funzionerà quest’anno l’avvio della riforma, è assai arduo. Ufficialmente la possibilità di programmare il nuovo Pof entro gennaio è stata concessa in considerazione del dimensionamento degli istituti scolastici, che sarà approvato da ogni regione entro dicembre 2015. Un dimensionamento che però avrà efficacia a partire dall’anno scolastico successivo, e dunque otto mesi dopo la nuova scadenza dell’approvazione del piano dell’offerta formativa.

«Il piano triennale sarà predisposto con la partecipazione di tutte le componenti scolastiche e sarà il documento fondamentale costitutivo dell’identità progettuale delle istituzioni scolastiche coerente con gli obiettivi generali ed educativi dei diversi tipi ed indirizzi di studio », si legge nella nota ministeriale, «…nello specifico, con riferimento all’art.1 comma 12 della legge 107/2015, si ritiene che, considerata la recente approvazione della legge e tenuto conto che la scadenza del dimensionamento scolastico da parte delle regioni avverrà entro il 31/12/2015, il Piano triennale dell’offerta formativa possa essere definitivamente concluso entro il 15 gennaio 2016». Libere insomma le scuole di predisporlo, salvo poi integrarlo se necessario. Ciò consentirà alle istituzioni, scrive il Miur, «che stanno operando per adempiere su più settori alla realizzazione di un processo di cambiamento del sistema scolastico che richiede tempo e impegno da parte di tutte le componenti, di continuare a lavorare con tempi distesi».

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl