Organico potenziato per coprire i posti vacanti: lo dice la legge

Tecnica_logo15BReginaldo PalermoLa Tecnica della scuola  30.9.2016

posto-vacante1

L’ “organico potenziato” sembra avere ormai il tempo contato: forse non l’anno prossimo, ma quasi certamente nell’arco di due tre anni il “potenziamento” resterà poco più che un ricordo.

I segnali ci sono tutti e sono stati già descritti dalla nostra testata.

D’altronde il meccanismo non è dei più limpidi: è ormai noto il fatto che le scuole chiedono posti di lettere o di matematica e si vedono invece assegnati educazione fisica o storia dell’arte. Per non parlare dei casi abnormi e paradossali di insegnanti di filosofia “spediti” in istituti professionali o di insegnanti di stenodattilografia (materia che tutti pensavano scomparsa da tempo immemorabile) in scuole secondarie di primo grado o in licei classici e scientifici.
Ma le situazioni più pesanti sono quelle in cui i docenti del potenziamento vengono utilizzati per coprire i posti tuttora vacanti sui quali – per le più svariate ragioni – non di riesce a nominare nessuno. Peraltro è anche normale che anzichè lasciare una classe scoperta senza insegnante si preferisca un aggiustamento ricorrendo al personale docente disponibile.
Non bisogna poi dimenticare che il comma 65 dell’articolo 1 della legge 107 è del tutto inequivocabile:  “Il personale della dotazione organica dell’autonomia e’ tenuto ad assicurare prioritariamente la copertura dei posti vacanti e disponibili”.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl