Pensione anticipata requisiti contributivi 2015, 2016 e 2017

Orizzonte_logo14

di Lucrezia Di Dio,  Orizzonte Scuola  22.6.2015.  

inps20

La pensione anticipata è il trattamento previdenziale previsto dall’INPS che può essere conseguito al di là dell‘età anagrafica da tutti i lavoratori dipendenti iscritti alla previdenza pubblica.

Quali sono i requisiti per accedere alla pensione anticipata e quali lavoratori possono accedervi?

L’unico requisito essenziale per il conseguimento della pensione anticipata è quello contributivo. La pensione anticipata è andata a sostituire la pensione di anzianità dal 2012. E’ stato eliminato il requisito dell’età anagrafica minima prevedendo un sistema di disincentivazione che riduce l’assegno previdenziale in base al tempo che manca al raggiungimento dell’età minima (62 anni).

Possono conseguire la pensione anticipata tutti i lavoratori con un anzianità contributiva pari a 42 anni e 6 mesi per gli uomini e 41 e 6 mesi per le donne. Va ricordato che il requisito contributivo (inizialmente fissato, nel 2012 a 42 anni e 1 mese per gli uomini e 41 anni e 1 mese per le donne, si adegua negli anni alla speranza di vita dei lavoratori e dal 2013 il requisito va adeguato con cadenza triennale).

Requisiti 2015

Per i pensionamenti del 2015 con la pensione anticipata i contributi richiesti sono gli stessi del 2014:

  • Per gli uomini sono richiesti 42 anni e 6 mesi di contributi versati, pari aa 2210 settimane
  • Per le donne sono richieti 41 anni e 6 mesi di contributi versati, pari a 2158 settimane.

Requisiti 2016

Per tutti coloro che accederanno alla pensione anticipata dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2018 (salvo diversa indicazione derivante da norme e decreti emanati dal governo per cambiare tale dato contributivo) l’aspettativa di vita dei lavoratori porta il requisito contributivo ad aumentare di 4 mesi. Sono richiesti quindi

  • Per gli uomini 42 anni e 10 mesi di contributi versati pari a 2227 settimane
  • Per le donne 41 anni e 10 mesi di contributi versati peri a 2175 settimane

Contribuzione

Va ricordato che per raggiungere il requisito contributivo servono almeno 35 anni di contributi versati senza  considerare i periodi di contribuzione figurativa derivanti, ad esempio, da periodi di disoccupazione indennizzata.

Chi percepisce la pensione anticipata prima del compimento dei 62 anni di età avrà una penalizzazione sull’assegno previdenziale sull’anzianità contributiva maturata fino al 2011 pari al 2% per ogni anni di anticipo rispetto ai 60 anni e dell’1% per ogni anno di anticipo rispetto ai 62 anni.

Portando l’esempio di un lavoratore che accede alle pensione anticipata  a 59 anni, la penalizzazione sulle anzianità retributive maturate fino al 2011 è del 4%.

La penalizzazione si applica in questo modo:

  • Per coloro che al 31 dicembre 1995 avevano un’anzianità contributiva  pari a 18 anni, sulla quota di pensione maturata fino al 31 dicembre 2011
  • Per coloro che al 31 dicembre 1995 avevano un’anzianità contributiva inferiore ai 18 anni, sulla quota di pensione relativa all’anzianità contributiva maturata fino al 31 dicembre 1995.

Penalizzazioni

Le penalizzazioni non vengono applicate per tutti i lavoratori ce accedono alla pensione anticipata dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2017 poiché con la legge 190/2014 tale penalizzazione è stata sospesa

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl