Pensioni, boom di domande. Docenti con i requisiti orientati a lasciare la scuola, prospettiva a 67 anni spaventa. I requisiti

Orizzonte_logo14

Orizzonte Scuola, 12.12.2017

– I docenti, in possesso dei requisiti previsti dalla normativa vigente, sono attualmente impegnati nella presentazione delle domande di cessazione e di pensione.

Di seguito i requisiti per la pensione di vecchiaia e per quella anticipata.

Pensione di vecchiaia

Per la pensione di vecchiaia sono necessari, sia per gli uomini che per le donne, i seguenti requisiti:

  • 66 anni e 7 mesi compiuti entro il 31 agosto 2018 (collocamento d’ufficio) o entro il 31 dicembre 2018 (a domanda);
  • almeno 20 anni di anzianità contributiva.

Pensione anticipata

Per la pensione anticipata sono necessari i seguenti requisiti:

  • 41 anni e 10 mesi di anzianità contributiva per le donne;
  • 42 anni e 10 mesi di anzianità contributiva per gli uomini.

I predetti requisiti devono essere posseduti entro il 31 dicembre 2018, senza operare alcun arrotondamento.

E’ possibile, inoltre, usufruire di forme di flessibilità che consentono di uscire anticipatamente dal lavoro, quali l’Ape e l’opzione donna.

Probabili domande di pensionamento

A pochi giorni dalla scadenza dei termini di presentazione delle domande di cessazione, ItaliaOggi ha fatto il punto sul numero di domande attualmente presentate e da esso si evince che i docenti italiani, che ne hanno la possibilità, non vedono l’ora di lasciare il lavoro.

Quasi la metà degli insegnanti italiani, aventi i succitati requisiti (di vecchiaia, pensione anticipata o opzione donna) sarebbe orientato ad andare in pensione.

Qual è il motivo di tale corsa al pensionamento? Probabilmente, leggiamo su  ItaliaOggi, l’innalzamento, dal 1° gennaio 2019, dell’età per la pensione di vecchiaia (67 anni) e dell’anzianità contributiva (42 anni  e 3 mesi per le donne, 43 anni e 3 mesi per gli uomini).

Mantenimento in servizio

Oltre alle domande di pensionamento, anche quelle di mantenimento in servizio dovrebbero essere numerose.

Il mantenimento in servizio è possibile per raggiungere il requisito contributivo minimo previsto  (20 anni) per la pensione di vecchiaia o per proseguire lo svolgimento di progetti didattici internazionali già avviati.

.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl