Perché fare disinformazione sulle firme dei 4 quesiti referendari sulla scuola ?

RTS_logo2di Aldo Domenico Ficara, Regolarità e Trasparenza nella Scuola,  8.8.2016

paperino-perche'1

– In questi giorni  la Lipscuola è dovuta intervenire per fare rettificare al sito web Blastingnews, che si occupa anche di scuola, un suo articolo che riportava notizie prive di fondamento riguardanti le firme sui 4 quesiti referendari relativi al mondo scolastico.

La dovuta rettifica richiesta  è stata pubblicata, ma la disinformazione sull’argomento continua. Infatti, non si può scrivere: “ Indubbiamente, l’esito della raccolta per la quale si sono mobilitati insegnanti e semplici cittadini è stato molto brillante. Il numero minimo per ottenere il via libera è stato superato di ben 4 volte, circostanza questa che induce all’ottimismo. Basta infatti che la Corte decreti la validità del 25% della raccolta per affrontare il passaggio successivo alla Consulta sull’ammissibilità”. Perché diciamo si fa disinformazione ?  Il perché lo lasciamo alle stesse parole di un comunicato del Comitato Referendario Scuola Pubblica  dal titolo eloquente  “Referendum scuola, depositate in Cassazione oltre 2 milioni di firme: 515mila a quesito”.

Quindi le firme complessive raccolte sono oltre 2 milioni, ma divise per il numero dei quesiti che sono 4, determina un numero di firme a quesito pari a poco più di 500mila ( precisamente 515mila firme ). Scrivere “Basta infatti che la Corte decreti la validità del 25% della raccolta per affrontare il passaggio successivo alla Consulta sull’ammissibilità” vuol dire dividere per 4 il numero delle firme a quesito, con la conseguente bocciatura dei quesiti referendari. La domanda è una sola: perché fare disinformazione su un argomento così delicato?

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl