Perché non istituzionalizzare e incentivare il ruolo del Coordinatore di classe?

Tecnica_logo15BLucio Ficara,  La Tecnica della scuola  22.9.2016

CdC21a

– Il Coordinatore di classe è una figura indispensabile nella scuola dell’autonomia.  Chi svolge questo ruolo ha carichi di lavoro rilevanti e viene retribuito molto poco.

La proposta che ci piacerebbe lanciare al mondo della politica e del sindacato è la seguente: “Perché non istituzionalizzare il ruolo del Coordinatore di classe, inserendolo per via legislativa anche nel Testo Unico della scuola e incentivandolo economicamente nel nuovo contratto della scuola?

Attualmente nel Testo Unico della scuola, cioè la legge 297/94, la figura del docente coordinatore di classe non esiste. Questa importante figura non è prevista dalla normativa scolastica, non ci sono tracce di questa funzione né nelle fonti legislative primarie né in quelle secondarie, tuttavia è un ruolo utilizzato in quasi tutte le scuole italiane. Si tratta di una figura delegata su base fiduciaria dal dirigente scolastico, per svolgere compiti importanti e per prendere decisioni di responsabilità.

Di cosa si occupa il coordinatore del consiglio di classe delegato del Ds?

Il coordinatore di classe si occupa della stesura del piano didattico della classe, controlla e redige tutti gli atti burocratici del consiglio di classe che presiede, fa opera di monitoraggio dell’andamento didattico della classe e delle assenze degli alunni, comunica con le famiglie tutte le situazioni particolari, mantiene contatti frequenti con tutti i docenti della classe. Informa il dirigente scolastico sugli avvenimenti più significativi della classe facendo presente eventuali problemi emersi, filtra, quando è possibile, alcune problematiche senza fare intervenire in prima persona il Ds. Presiede i Consigli di classe e anche gli scrutini intermedi e quelli finali, nel caso il dirigente scolastico sia impegnato, assumendosi così la piena responsabilità.

Si tratta di compiti che meriterebbero un riconoscimento normativo del ruolo ed anche contrattuale. In buona sostanza sarebbe opportuno oltre che giusto, che la figura del coordinatore di classe fosse istituzionalizzata.

Come nasce la figura del coordinatore del consiglio di classe?

Nasce con l’autonomia scolastica e la conseguente complessità organizzativa dell’organizzazione del lavoro all’interno delle scuole, per cui il dirigente scolastico ha bisogno di una figura come quella del Coordinatore di classe, che si potrebbe definire indispensabile.

Ci piacerebbe sapere se la nostra proposta trova una corrispondenza a livello politico e a livello sindacale, per attribuire un valore istituzionale ad una figura che per adesso opera in un ruolo fondamentale ma non riconosciuto dalla legislazione scolastica.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl