Piano Straordinario: pubblicata circolare su potenziamento. Docenti utilizzati su gradi diversi

Professionisti_logo1

Professionisti Scuola Network   21.9.2015.  

tabella-faseC-2ciclo

Pubblicata finalmente dal Miur, dopo l’incontro di oggi con le organizzazioni sindacali, l’attesa circolare sulla definizione dell’organico di potenziamento. La nota precisa che il fabbisogno delle istituzioni scolastiche a regime sarà costituito dal piano triennale dell’offerta formativa da definire successivamente, mentre l’organico aggiuntivo, di cui alla presente circolare, viene assegnata per la programmazione di interventi mirati al miglioramento dell’ offerta formativa. Pertanto, tale organico aggiuntivo risponderà agli obiettivi di qualificazione del servizio scolastico previsti dalla Legge 107 commi 7 e 85 e confluirà nel più ampio organico dell’autonomia, da definirsi, poi, con apposito Decreto Interministeriale ai sensi del comma 64 della L. 107/2015.
Questi, in sintesi, i vari passaggi che la di circolare prevede nelle prossime settimane:

  • ciascuna scuola deve individuare le priorità di intervento nell’ambito dei 7 campi previsti se si tratta di scuole secondarie di secondo grado, e dei 6 campi per il primo ciclo, e definire le proposte di fabbisogno per poi inserirle al SIDI dal 10 al 15 ottobre. La richiesta che la scuola presenta, elaborata ed approvata dagli OO.CC. interni, deve indicare anche un ordine di preferenza tra tutti i campi con una descrizione “qualitativa” dell’organico potenziato, più che quantitativa, sapendo che, il numero di posti che è possibile assegnare, di norma, sarà di almeno 3 posti per scuola. Anche ai CPIA verranno assegnati, di norma, almeno 3 posti. Non sono previsto posti per il potenziamento nell’infanzia;
  • entro il 22 ottobre gli USR adotteranno il decreto di ripartizione dei posti agli ambiti territoriali (province), suddivisi anche per classe di concorso, compresi quelli per il sostegno e, per la scuola secondaria di II grado, per aree disciplinari;
  • dal 12 al 20 novembre gli ATP, per conto dell’USR, attribuiranno i posti alle singole scuole tenendo conto del numero degli alunni (ad eccezione di quelli dell’infanzia) e di particolari situazioni (presenza di zone montane, piccole isole, bassa densità demografica, forte processo immigratorio, forte dispersione scolastica, vedasi comma 65 L. 107/15).

Alcune indicazioni specifiche previste nella circolare:

  • gli ATP assegneranno prioritariamente alle scuole i docenti destinatari di assunzione nelle classi di concorso corrispondenti a quelle per le quali si è già provveduto all’esonero del vicario per poterlo sostituire (revocando di conseguenza la supplenza data “fino all’avente diritto”). Nel caso in cui ciò non sia possibile (per carenza di destinatari di assunzione in quella classe di concorso) il posto viene “decurtato” da quelli spettanti alla scuola per il presente anno scolastico e detratto dal contingente regionale.
  • Utilizzo in ordine di scuola diverso:Per il 2015/16 sarà possibile assegnare i docenti individuati per le classi di concorso relative al secondo ciclo di istruzione anche alle scuole del primo ciclo. Allo stesso modo il personale della scuola primaria potrà essere utilizzato per progetti di continuità che investano anche l’infanzia.

Con il potenziamento dell’offerta formativa e l’organico dell’autonomia le scuole sono chiamate a fare le proprie scelte in merito a insegnamenti e attività per il raggiungimento di obiettivi quali:

  • valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche, matematico-logiche e scientifiche, nella musica e nell’arte, di cittadinanza attiva;
  • sviluppo di comportamenti responsabili per la tutela dei beni ambientali e culturali;
  • potenziamento delle discipline motorie e sviluppo di un sano stile di vita;
  • sviluppo delle competenze digitali;
  • potenziamento delle metodologie e delle attività laboratoriali;
  • prevenzione e contrasto della dispersione, della discriminazione, del bullismo e delcyberbullismo;
  • sviluppo dell’inclusione e del diritto allo studio per gli alunni con bisogni educativi speciali;
  • valorizzazione della scuola come comunità attiva aperta al territorio;
  • incremento dell’alternanza scuola-lavoro;
  • alfabetizzazione e perfezionamento dell’italiano L2, inclusione.

In allegato la circolare pubblicata con le schede per la richiesta del potenziamento da parte delle istituzioni scolastiche.

Allegati;

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl