Premi agli insegnanti? Prima bisognerebbe colpire il demerito

gruppo-FI_logo1

Valerio Vagnoli, Giorgio Ragazzini,  Il Gruppo di Firenze,   30.6.2016

DS_somaro1

– Cresce il numero dei Collegi dei docenti che rifiutano il bonus destinato a premiare i migliori di loro e che chiedono di destinarlo a migliorare i sussidi didattici. Pur attenendomi alla legge, evitando di destinarlo a scopi da essa non previsti, mi trovo d’accordo con il Comitato di valutazione della mia scuola. Il comitato chiede di destinarlo non a pochi ma a un buon numero di docenti che hanno lavorato bene e con impegno, contribuendo a migliorare la qualità della didattica. Tuttavia, insieme al dovere di rispettare la normativa, mi preoccupo da tempo di sollecitare un’ inversione di rotta a proposito di una misura che mi appare come uno sperpero di denaro pubblico destinato, al di là delle intenzioni, a peggiorare la condizione della scuola e dei suoi docenti anziché migliorarla.

Credo infatti che sia sbagliato e improduttivo cercare d’individuare i migliori docenti secondo parametri decisamente inadeguati quali quelli previsti dalla L. 107, dato il rischio di demotivare quegli insegnanti che pur lavorando con passione e competenza ne rimangono esclusi. Non dimentichiamo inoltre che la cifra lorda a disposizione delle scuole è veramente un’elemosina, anche qualora il bonus si decida di darlo a una ristretta minoranza. Non è questa la strada per far fare un salto di qualità alla scuola italiana. Né lo farebbe la sanità se si affidasse a un dirigente coadiuvato da un comitato, in genere sindacalizzato, il compito di differenziare nelle corsie ospedaliere i medici bravi da quelli meno bravi. Quello che occorre nelle scuole e nel pubblico impiego è colpire invece in tempi rapidi il demerito che è, al contrario del merito, molto più facile da individuare. Un docente inadeguato di sicuro fa dei danni enormi, spesso definitivi, nella formazione dei ragazzi. Purtroppo, anche se minoranza, docenti del genere esistono e attualmente si può fare molto poco per cacciarli definitivamente dal loro ruolo, perché sono tutelati da normative ipergarantiste, da generose sentenze di giudici del lavoro e anche da dirigenti scolastici impreparati o neghittosi o convinti che attraverso “il dialogo” si possa tutto, anche far diventare bravi docenti persone prive di preparazione adeguata, di carattere adatto ad insegnare o di volontà a farlo. Ma se premiare i migliori non migliora la scuola, esiste invece la necessità di individuare i docenti in grado di farsi carico di altri ruoli e di altre funzioni rispetto all’insegnamento. Figure destinate a coadiuvare a tempo pieno i dirigenti, a coordinare i dipartimenti (tra cui uno dedicato al sostegno), a occuparsi di alternanza scuola-lavoro, di orientamento, di aggiornamento, oppure della formazione dei futuri docenti anche con distacchi presso l’università. Docenti a cui dovrebbe essere legittimato uno stipendio naturalmente diversificato.

Questo permetterebbe di andare verso una vera e propria carriera degli insegnanti che, utilizzando competenze organizzative e progettuali presenti nelle scuole, possa finalmente valorizzare al massimo ogni comunità scolastica. Per ora, pur interpretandola, applichiamo la legge. Questa è la democrazia e questo si deve insegnare ai ragazzi.

 

Valerio Vagnoli
(“Corriere Fiorentino”, 30 giugno 2016)

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl