Premi ai docenti meritevoli, a chi saranno dati e quanto?

Orizzonte_logo14

di Anselmo Penna,  Orizzonte Scuola  16.7.2015.  

ruffiano2

Tra le novità contenute nella riforma della scuola ce n’è una che ha fatto molto discutere. Si tratta della valutazione dei docenti.

Si badi bene, in realtà non è che un embrio di quello che sarà la valutazione dell’operato dei docenti. Il concetto è stato più volte ribadito sia da voci parlamentari che si sono occupate della riforma, sia in ambito governativo.

Cosa aspetterà i docenti per la valutazione è ancora tutto da scrivere, nel frattempo, nel testo della riforma, pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale, si parla già di merito e premialità.

Abbiamo più volte detto che i premi saranno elargiti dai dirigenti scolastici su criteri elaborati dal Comitato di valutazione del quale fanno parte docenti, genitori e studenti.

I criteri per l’individuazione dei docenti meritevoli vanno dalla qualità dell’insegnamento, all’innovazione metodologico/didattica, agli incarichi di responsabilità.

L’ammontare totale del fondo è di 200mln da distribuire a tutte le scuole in base al numero di alunni.

Quanto potrà essere assegnato ad ogni singolo docente e per quanto docenti?

Due calcoli li ha fatti la FLCGIL che ha ipotizzato tra i 15 e i 18 mila euro lordi a scuola ed una possibilità di premiare circa 11-12 persone, se si vuol considerare equo un premio di almeno 1.500 euro l’anno.

Fin qui tutto bene, se non fosse che il dirigente non ha a disposizione altri fondi per premiare i propri collaboratori che costituiranno lo staff.

Di conseguenza i premi per i meritevoli vedranno come priorità la retriuzione dei collaboratori che vengono ipotizzati tra gli 8 e i 10 di media ad istituto, scelti direttamente dal dirigente.

Il pericolo messo in luce dal sindacato è, dunque, che questi premi vadano quasi esclusivamente ai docenti dello staff ed una piccola parte ai docenti senza incarichi, ma che meritano di essere premiati.

Forse degli stanziamenti che premino chi coadiuva al funzionamento, distinguendoli da un merito più legato alla didattica e alla metodologia,  avrebbe potuto evitare un potenziale conflitto di interesse.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl