Presidi senza vice per un anno? Rischio a causa delle sovrapposizione di due leggi

Orizzonte_logo14

 di Patrizia Del Pidio,  Orizzonte Scuola  6.8.2015.

collaboratore-DS1

Dal primo settembre si rischierà che alcune scuole rimangano senza dirigente scolastico fino a  novembre. Il problema, nella più pessimistica delle ipotesi, potrebbe durare fino alla fine dell’anno soprattutto nei casi di reggenza.

In questi casi, infatti, il dirigente si troverebbe a gestire più di un istituto ed il problema sarebbe giuridico a causa della sovrapposizione di due leggi, la vecchia con la norma contenuta nella Buona Scuola.

Claudia Zanella e Mara Degiorgis, del coordinamento collaboratori dirigenti scolastici della provincia di Cuneo, fanno notare che si tratta di una falla molto grave del sistema poiché si rischia che i dirigenti scolastici si ritrovino senza i collaboratori vicari o fino al novembre, anche se nella peggiore delle ipotesi si parla addirittura di settembre 2016.

La legge finanziaria 2014 ha abolito il sistema che permetteva la presenza di vicepresidi con esoneri o semiesoneri dei vicari dall’attività di insegnamento. Ora il dirigente può incaricare espressamente delle persone, così come prevede l’autonomia dell’organico. Il problema è costituito dai tempi di approvazione delle nomine da parte del Ministero, ma anche i tempi che impiegheranno effettivamente sul posto di lavoro sembrano essere abbastanza lunghi.

In termini pratici cosa significa tutto ciò? Che il dirigente scolastico per alcuni mesi non potrà contare su nessun vice e nelle scuole dove non ci sono dirigenti in ruolo ma in reggenza il problema potrebbe sentirsi ancora di più.

 

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl