Riforma, per il M5S ignora le esigenze delle famiglie

Tecnica_logo15B

Alessandro Giuliani  La Tecnica della scuola  Mercoledì, 22 Luglio 2015.  

DiMaio1

Al Movimento 5 Stelle, si sa, la riforma non va proprio giù. E non manca occasione per farlo presente. Non si astiene dalla linea del partito, Luigi Di Maio, vice presidente della Camera dei Deputati.

A margine di un incontro con i giurati del Giffoni Film Festival, il ‘grillino’ sostiene che nel testo è mancata l’attenzione per le esigenze delle famiglie degli studenti. “Tre, secondo me – ha detto Di Maio -, sono le priorità indicate dalle famiglie: la prima che non cambi l’insegnante ogni sei mesi; la seconda che la scuola non cada in testa ai propri figli e quindi importanza dell’edilizia scolastica e la terza che il figlio faccialezione in una classe di venti e non trenta alunni”. Però “quello che purtroppo non abbiamo ancora colto – ha aggiunt – e neanche il Governo Renzi ha fatto, è quali sono le priorità delle famiglie italiane. La scuola pubblica deve essere finanziata dallo Stato. Altra cosa la formazione. Anche la formazione dei docenti e del personale su quelle che sono le nuove innovazioni”.

“Non mi sembra – ha sottolineato il vice presidente della Camera – che vi sia la volontà di affrontare le priorità delle famiglie. Si è dovuto prendere atto di una sentenza della Corte Europea e, goffamente, la si è applicata. Ma scuola deve andare a braccetto con l’impresa. Questo non vuol dire che il privato debba mettere i soldi nella scuola, bensì che il privato spieghi all’università e alla scuola cosa gli serve e di che figura gli serve”.

In generale, per Di Maio “non c’è il coraggio in questa riforma della scuola. Poi vedremo i regolamenti attuativi” come si dipaneranno, ha concluso.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl