Sciopero degli scrutini. In alcune province le adesioni arrivano al 90%

Orizzonte_logo14

di Giulia Boffa,  Orizzonte Scuola  12.6.2015. 

sciopero-scrutini2

In Emilia-Romagna, Molise, Lazio e Lombardia, Puglia e Sicilia le percentuali dello sciopero oscillano tra l’80% e il 90%, mentre in tantissime scuole delle principali città il blocco è totale.

Anche a Torino e provincia c’è una massiccia partecipazione secondo i dati della FLCCGIL; le stime dei sindacati abruzzesi, a livello regionale, parlano di adesioni al 70-80%; in Toscana lo sciopero degli scrutini ha registrato un’adesione media dell’80% nelle scuole con punte del 90% a Prato e Pistoia.

Ed oggi, in base al calendario degli scioperi COBAS, si entrerà in sciopero in Liguria, Sardegna, Marche, Toscana, Umbria, Campania e Veneto, dove già nei giorni precedenti il blocco ha funzionato secondo il calendario di scioperi dei confederali, Snals e Gilda.

Anche nelle scuole italiane all’estero si sciopera, ad esempio ad Addis Abeba, dove tutti gli scrutini sono stati bloccati, come  hanno comunicato i docenti che lavorano nelle frequentatissime scuole di quella città.

Alcuni dirigenti non hanno affatto gradito lo sciopero, come nel caso di un Dirigente scolastico di un liceo a san Donà di Piave, che avrebbe presentato un esposto alla procura della Repubblica contro un’insegnante che ha aderito allo sciopero degli scrutini ritenendolo illegittimo.

Sciopero scrutini entra nel vivo. Come fare, è possibile lavorare di domenica e fino a tarda ora per recuperare?

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl