Scuola, basta girandola di docenti. Il Veneto «blocca» tutti i ricorsi

corriereVeneto_logo5

Il Corriere del Veneto, 11.6.2016

– Beltrame: «Dieci giorni di tempo, tuteliamo gli studenti»

classe-sovraffollata-pollaio2a

VENEZIA Non lo dice, ma lo pensa: a tutto c’è un limite. Un limite ai ricorsi, al turnover dei docenti e perfino ai nuovi arrivi a lezione iniziate ormai da un mese. Perché a pagare le conseguenze del caos di questo anno scolastico sono gli studenti, che non riescono a seguire un programma comprensibile e coerente con un continuo cambio di prof. A tirare una linea netta ci ha pensato ieri Daniela Beltrame, direttrice dell’ufficio scolastico regionale. «Ho preso una decisione che forse sarà controcorrente – ha spiegato lunedì – in Veneto accetteremo i ricorsi degli insegnanti solo per i prossimi 10 giorni, poi saranno accolti il prossimo anno».

A lezioni iniziate il Tar del Lazio ha accolto i ricorsi presentati da docenti che contestavano la destinazione assegnata loro dall’algoritmo della «Buona scuola» e quelli di prof che potevano essere nelle graduatorie ma che il cambio di regole ha costretto a fare il concorso (dove sono stati bocciati). Le sentenze hanno scatenato, e continuano a scatenare, decine di ricorsi che costringono gli Uffici scolastici a rivedere ogni settimana le nomine. Ora il Veneto dice basta. «La situazione è diventata insostenibile – dice Beltrame – ho dato mandato agli uffici territoriali di fermare gli inserimenti la prossima settimana, si tratta di un limite organizzativo, sarebbero potuti arrivare fino a dicembre. Se i tribunali decideranno diversamente si prenderanno loro la responsabilità nei confronti degli studenti, io li tutelo». La scelta veneta potrebbe ora fare da apripista per molte altre regioni.

«La scuola non può dare questa immagine alle famiglie e agli studenti – dice Beltrame – abbiamo un preciso dovere e non è questa la strada per realizzarlo». A peggiorare la situazione delle scuole venete è il fatto che le domande sono rimaste inascoltate. Dall’inizio dell’estate Beltrame ha chiesto 468 docenti in più rispetto all’organico assegnato al Veneto. La Regione ha rinforzato la domanda e dopo palazzo Balbi anche una mozione di dieci senatori veneti (Franco Conte, Laura Puppato, Mario Dalla Tor, Gianpiero Dalla Zuanna, Giorgio Santini, Patrizia Bisinella, Emanuela Munerato, Raffaela Bellot, Antonio De Poli e Rosanna Filippin) non sono arrivati. «Il problema è di bilancio – dice Beltrame – l’autorizzazione non deve arrivare solo per le nuove nomine, ma anche per gli stanziamenti economici che mancano». Gli effetti sono notevoli. Il rapporto alunni-docenti in Veneto è aumentato dell’1,74%, ci sono 175 classi sovradimensionate (pari a 289 prof mancanti), 1.480 ore eccedenti all’orario di lavoro di 18 ore (equivalenti a 82 cattedre risparmiate), 20 sezioni di scuola dell’infanzia non autorizzabili (pari a 40 posti mancanti), 8 turni pomeridiani di sezioni di scuola dell’infanzia non attivabili (pari a 8 posti). «Le classi sovradimensionate potrebbero essere anche molte di più – dice Beltrame – dopo le ultime difficoltà». Nonostante tutto, lunedì l’ufficio scolastico regionale ha avviato un nuovo protocollo per l’alternanza scuola-lavoro per i licei con la Fondazione di Venezia. «L’obiettivo è mettere in rete diverse realtà del territorio – spiega Fabio Achilli, direttore della fondazione di Venezia – contribuendo a dare ai giovani un’opportunità importante di confronto con il vero mondo del lavoro».

Gli accordi quest’anno partono con Alliance Francaise, H-art, Fondazione Gianni Pellicani, Civita tre Venezie, Coldiretti Venezia e Peggy Guggenheim collection. «Proporremo alle scuole dei pacchetti di ore da spendere in diverse istituzioni – spiega Achilli – noi proveremo a fare da collettore». «L’anno scorso siamo stati invasi dalle telefonate – spiega Elena Minarelli della Peggy Guggenheim – gestire la cosa non è affatto semplice. Un mediatore è necessario». L’alternanza scuola lavoro riguarderà 39 mila studenti, come l’anno scorso.

.

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl