Scuola media, la normativa per l’anno scolastico 2018/2019

di Fabrizio De Angelis, La Tecnica della scuola, 10.4.2018

– E’ stata diramata l’annuale circolare ministeriale sugli organici 2018/2019 che fornisce diverse indicazioni per la scuola, per quanto riguarda tutti gli ordini e i gradi. Dopo aver analizzato la scuola primaria e la scuola dell’infanzia, in questa scheda ci occuperemo della scuola dell’infanzia.

Formazione delle classi

Per quanto riguarda le classi prime, queste saranno costituite, di norma, da non più di 27 alunni e non meno di 18. Le eventuali eccedenze sono ripartite fino ad un massimo di 28 alunni.
Si costituisce una unica classe qualora il numero degli iscritti non superi le 30 unità.

Le classi seconde e terze dovranno essere in numero pari rispettivamente alle prime e seconde, a condizione però che il numero medio non sia inferiore a 20 alunni per classe. In caso contrario si dovrà procedere alla loro ricomposizione secondo i parametri di costituzione delle prime classi.

Nei comuni di montagna, piccole isole e aree geografiche abitate da minoranze linguistiche il numero minimo da rispettare scende da 18 a 10 alunni.
Infine le pluriclassi dovranno essere costituite con non più di 18 alunni.

Le classi a tempo prolungato potranno essere attivate:

  • compatibilmente con la dotazione organica assegnata,
  • a condizione che ci sia il numero minimo per la costituzione di una classe (quindi con un numero di richieste compreso tra 18 e 27),
  • che ci siano le condizioni (servizi e strutture) per almeno 2 rientri pomeridiani a settimana,
  • che ci sia il funzionamento di almeno un intero corso a tempo prolungato. Questo non significa però che nuovi corsi a tempo prolungato, a partire dalle prime, non saranno più possibili, ma che dovrà essere valutata la possibilità che la nuova prima diventi “in progressione” un corso completo.

Il numero delle classi verrà formulato sulla base del numero complessivo di alunni iscritti. Solo successivamente si procederà alla determinazione del numero delle classi a tempo prolungato e
a tempo normale sulla base delle richieste delle famiglie.

Saranno mantenuti i corsi ad indirizzo musicale oltre le 30 ore nel tempo normale e all’interno del modello esteso (fino a 40 ore) nel tempo prolungato. In entrambi i casi va assicurato l’insegnamento di 4 diversi strumenti musicali e nella formazione della classe prima, il numero di alunni per ciascun strumento, non può essere inferiore a tre.

Lingue straniere

Per quanto riguarda le lingue straniere, la circolare stabilisce: 3 ore settimanali obbligatorie di inglese in tutte le classi e 2 ore di seconda lingua comunitaria.
E’ bene ricordare che la scelta della seconda lingua deve tenere conto della presenza o meno di docenti con contratto a tempo indeterminato. Eventuali trasformazioni delle cattedre per diversa
lingua straniera sono quindi possibili solo in assenza di titolare a tempo indeterminato nella scuola e solo in assenza di esubero provinciale sulla seconda lingua attuale.

Scuole medie in zone disagiate

La circolare prende in considerazione anche le scuole medie  collocate in zone particolarmente disagiate.
In questi casi, sarà possibile, laddove sono funzionanti corsi di preparazione agli esami di idoneità o di licenza media con un numero di alunni molto basso, organizzare attività didattica in modo flessibile e con raggruppamenti variabili di alunni.

La dotazione organica assegnata sarà di 3 cattedre, di cui una di area linguistica, una di scienze matematiche, chimiche, fisiche e naturali e una terza dell’area artistico – espressiva o motoria (in questo ultimo caso, area motoria, occorre che ci sia un progetto specifico da parte della scuola).

Organico di diritto

Per quanto riguarda il tempo normale tutte le cattedre sono a 18 ore. Pertanto si avrà una cattedra di:

  • italiano, storia e geografia ogni 2 classi (9+9), con l’aggiunta dell’ora di approfondimento della lingua italiana;
  • matematica ogni 3 classi;
  • inglese ogni 6 classi;
  • seconda lingua comunitaria, tecnologia, arte e immagine, scienze motorie e sportive e musica ogni 9 classi;
  • religione ogni 18 classi.

Le ore di approfondimento in materie letterarie non possono costituire da sole cattedra, ma concorrono alla costituzione delle cattedre di “Italiano, Storia e Geografia”.

Invece, per il tempo prolungato tutte le cattedre saranno a 18 ore e quindi:

  • ogni 6 classi (2 corsi interi), 5 cattedre di italiano, storia e geografia;
  • ogni 2 classi, 1 cattedra di matematica;
  • ogni 6 classi (2 corsi interi), 1 cattedra di inglese;
  • ogni 9 classi (3 corsi interi), 1 cattedra rispettivamente di seconda lingua comunitaria, tecnologia, arte e immagine, scienze motorie e sportive e musica;
  • ogni 18 classi, 1 cattedra di religione;
  • una o due ore (da 38 a 40) in più potranno essere assegnate, se richieste dalla scuola;

Inoltre, possiamo ricordare che contribuiscono a formare cattedre interne nell’insegnamento scelto, solo in presenza di altri spezzoni della stessa materia e non possono costituire, esse stesse, una cattedra-orario.

Aspetti problematici

Vi sono alcune problematiche in riferimento alla circolare degli organici per la scuola secondaria di primo grado. Queste sono:

Costituzione delle cattedre di italiano, storia e geografia nel tempo prolungato

Per ogni 6 classi (due corsi interi) saranno assegnate 5 cattedre. Sulle modalità di costituzione di queste 5 cattedre ci sono vincoli rigidi sui “pacchetti orari”, mentre sono possibili diverse soluzioni sulle “cose da fare” (insegnamenti). Su questo secondo aspetto si decide scuola per scuola. Ecco alcune delle possibili combinazioni:

  • Due cattedre costituite con 15 ore in una classe e 3 in un’altra (per mensa, approfondimento, progetto oppure per 3 ore di storia o geografia, se la scuola lo decide).
  • Altre due cattedre con 12 ore in una classe e 6 in un’altra (sempre per mensa, approfondimento, progetto oppure per 3 ore di storia e/o geografia, se la scuola lo decide).
  • La quinta cattedra di 9 + 9 ore in due classi (tutte disciplinari, oppure in parte disciplinari ed in parte anche qui per mensa, approfondimento, progetto se si è decisa la separazione degli insegnamenti di italiano, storia e geografia).

Inglese potenziato

Non è più attivabile con i posti comuni, mentre sarà possibile se si attiva un progetto con le “eventuali” risorse del potenziamento.

.

.

.

 

 

Scuola media, la normativa per l’anno scolastico 2018/2019 ultima modifica: 2018-04-10T14:28:12+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl