Scuola media, per mezzo milione via agli esami. Con più prove che alla Maturità

Repubblica-scuola_logo1

di Salvo Intravaia,  la Repubblica,  13.6.2016 

– Il 16 giugno si concluderà con i due test Invalsi (anticipati causa ballottaggi). La preoccupazione per le difficoltà di una parte crescente di ragazzi

esami-medie6

Al via gli esami di terza media per mezzo milione di studenti. Questa mattina, in molte scuole, partono gli esami conclusivi della secondaria di primo grado. Ragazzi e ragazze per la maggior parte dei casi hanno già scelto come proseguiranno gli studi al superiore: oltre metà, il 53 per cento, si iscriveranno in uno dei sei licei scaturiti dalla riforma Gelmini; il 30 per cento prenderà la strada degli istituti tecnici e il 16,5 per cento quella degli istituti professionali. Ma prima occorre superare l’esame di terza media, che dopo la riforma del 2008 pone ai diplomandi più prove della maturità: sei prove scritte e un colloquio. Alla maturità gli scritti sono tre più un colloquio. Si inizia oggi con la prova scritta di Italiano e si prosegue con quella di Matematica.

Successivamente, gli studenti dovranno affrontare lo scritto di lingua straniera, che può essere comune per Inglese e per la seconda lingua comunitaria oppure distinta. In quest’ultimo caso, le prove diventano due. Infine, ma non per ultimi i due test Invalsi (Matematica e Italiano) che si svolgeranno in contemporanea in tutta Italia giovedì 16 giugno. La data è stata anticipata – in un primo momento era stata prevista per il 17 giugno – per evitare, in quelle scuole che sono sede di seggio elettorale, la sovrapposizione con i ballottaggi. Quasi certamente, gli esami di terza media, considerata la pausa elettorale, in diverse scuole scivoleranno alla prossima settimana per concludersi con il colloquio multidisciplinare.

L’esame non è certo proibitivo: i non ammessi alle prove dello scorso anno furono soltanto il 2,8 per cento, mentre i bocciati agli esami “appena” 3 su mille. Ma da qualche anno, a preoccupare linguisti ed pedagogisti la percentuale piuttosto alta di promossi con la sufficienza risicata e con sette. Due voti considerati una misura che cela difficoltà da parte dei candidati. Oltre metà (il 52,3 per cento) dei diplomati di terza media – secondo i dati del 2014/2015 – escono con un punteggio compreso fra sei e sette decimi. Un quarto – il 25,3 per cento – si diploma con la sufficienza. Difficoltà che si evidenziano poi con i risultati dei test Invalsi. E che costituiscono spesso l’anticamera della bocciatura o dell’abbandono scolastico nei primi anni delle superiori.

Scuola media, per mezzo milione via agli esami. Con più prove che alla Maturità ultima modifica: 2016-06-13T15:56:36+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl